PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Deserto di arpe

Tra le note di arpe incantate
risucchiata dall'arte romanica di una chiesa
arrivo a dune desertiche.

Deserto di parole e di emozioni
sabbia calda che ti penetra
orme dalle quali non puoi uscire.

Il vuoto del voler essere ed imporre
la mancanza di rispetto e di onestà
il silenzio assordante che esce dalla tua bocca.

Musicalità antica di corde pizzicate
lo spartito terminato
il deserto adesso è abitato.

 

l'autore stella luce ha riportato queste note sull'opera

... ho assistito ad un concerto di arpe... un viaggio stupendo!!!!!!!


2
7 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • giuliano cimino il 29/07/2013 23:46
    la magia della musica.. in un eccelso letterario
  • sılɐɹʇsnɐ snɐʞ il 28/07/2013 11:59
    Eppure, vorrei leggerla da un'altra prospettiva; facendo prendere al significato altri percorsi. Si passa dalle sensazioni magnifiche che può dare l'ascolto di un concerto d'arpe, la cui musica ci porta lontani e leggeri... per tornare bruscamente ad essere incagliata in ombre, macchie o impronte da cui non riesci a liberarti. Da qui la sensazione di vuoto... proprio a sottolinearne i pesi sulla bilancia. ... ma qualcosa di bello come la musica o altro che ci porti lontano da realtà, spesso soffocanti, ripareggiano l'equilibrio.
  • Don Pompeo Mongiello il 28/07/2013 10:25
    Terzine che s'intersecano con sublime bellezza.
  • Rocco Michele LETTINI il 28/07/2013 02:51
    LA POETESSA ARMONIZZA... UN CONCERTO DI PAROLE MAGISTRALMENTE DIRETTE... FELICE DOMENICA STELLA...

7 commenti:

  • Alessandro il 29/07/2013 14:21
    Incredibile il potenziale suggestivo della musica. Piaciuta
  • LIAN99 il 28/07/2013 13:42
    La dolcezza e la capacità d'emozionare che ha il suono dell'arpa é impareggiabile... ed i tuoi versi non sono da meno: un magistrale concerto di parole melodiose e dense di significati.
  • Falco libero il 28/07/2013 12:31
    Versi sentiti e sature di variegate sensazioni.
    Brava
    Falco Libero
  • Anonimo il 28/07/2013 11:25
    Un concerto descritto con versi così raffinati e sublimi da farci sentire quelle musiche nate da uno strumento affascinante e forse un po' trascurato come l'arpa. Complimenti.
  • Eugenia Toschi il 28/07/2013 09:51
    Bellissimo canto, sublime nel lasciarsi trasportare.
  • Anonimo il 28/07/2013 08:23
    C'è sempre molta luce e musica nelle tue parole, Stella... Il Sito tutto non può che esserti grato, molto grato.
  • Antonio Garganese il 28/07/2013 06:52
    Lasciarsi trasportare dalla musica e dare ad essa un significato di pienezza in contrapposizione al vuoto di parole e di contenuti cui si assiste oggi. Prendere la comodità del moderno, conservando o pizzicando come dici tu, la semplicità dell'antico.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0