PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Li primi ar monno

Dice:nun sò com'è successo
che mo st'Italia stà 'n po' ruvinata
chissà a sto punto chi ce l'ha portata
er magna-magna l'hanno fatto tutti
li rossi, i neri, i bianchi, i belli, i brutti.

Mo pe tiralla sù c'è chi a penzato
de aumentà le ore a li lavoratori
ar giorno tredici ore è un ber guadagno
dando na ritoccata ar tempo de penzione
diciamo intorno ar sessantottesimo anno.

Così quanno hai finito cor lavoro
ch'avrai 'mber po' de sordi nella tasca
cor fisico provato farai 'n tempo
a esse bell'e pronto pè la cassa
armeno morirai co gran decoro.

A me è venuta invece nantra idea
pijamo tutti quanti li ministri
li deputati, calciatori, artisti
e j'abbassamo un poco lo stipendio
tremila ar mese e passato n'anno
l'Italia è risanata tutta quanta.

Passato nantro po' sicuramente
diventeremo nell'economia
li primi ar monno, nun dico bucia.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0