PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A Papini

Eretico tu,
meriti lo girone
che te spetta;
e ne lo caso
de incarnazione,
come biscia
strisciar
tu sia.

 

0
1 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 28/07/2013 15:58
    DANTE... E LA SAGGEZZA DEL DON... PICCOLO GRANDE COSTRUTTO...
  • Anonimo il 28/07/2013 13:20
    Concordo con Vincenzo: quanto sempre ci sorprende... quanto, soprattutto, ci sorprenderà Dio alla fine dei tempi umani. Tutti, assolutamente tutti dovremo esclamare: Davvero non sapevamo, Dio, cosa fosse il tuo Amore, la tua capacità di redenzione dell'animo umano... Lasciato libero, ma, grazie proprio a Te, alla forza del tuo Amore, non per sempre nel nostro frequente modo negativo. È la mia fede, Don.
  • Vincenzo Capitanucci il 28/07/2013 12:37
    le bisce in questo caso sarebbero la quasi totalità dell'umanità... G. Papini... ne ha fatte di cavolate... ma non lo condannerei a questo... penso che abbiamo una visione molto obsoleta della giustizia di Dio... applicandogli un parametro decisamente umano...

    ma questo è solo il mio pensiero... Don...
  • Anonimo il 28/07/2013 12:15
    Suggestivo riferimento ai gironi infernali cantati dal sommo Dante. COmplimenti.

1 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 28/07/2013 13:25
    Ed io rimango nel mio e ne lo girone degli eretici lo butterei.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0