PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Briglie di libertà

Nella corsa della vita
mi vedo ancora
quale cavallo di razza.
Nel tempo vari fantini
non mi hanno domato
perché marchio
di provvisorietà
ha sciolto le mie briglie.
Oggi, in rinnovato ascolto,
li accetto
da Tua mano, o Dio,
e sento e vedo
che non solo indirizzano
la mia corsa
in verdeggianti praterie
ma, meraviglia nuova,
non mi privano
del sapore amato
della libertà.

 

3
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 28/07/2013 21:06
    LA RICERCA DIVINA IN UN ADORABILE VERSEGGIO... ORIGINALE COSTRUTTO...

3 commenti:

  • Alessandro il 29/07/2013 14:19
    Metafora ippica per una corsa senza freni verso l'autodeterminazione.
  • Ugo Mastrogiovanni il 29/07/2013 09:50
    Nell'ippodromo della vita bisogna essere un cavallo di razza, altrimenti, non solo si perde sempre, ma si è bistrattati, offesi, umiliati. I fantini terreni non sono sempre bravi a condurci alla vittoria, c'è un solo Fantino che indirizza bene la nostra corsa e Rosarita, con il garbo e la bravura che la distingue, delicatamente ce Lo indica. Un caro saluto. Ugo.
  • Vilma il 28/07/2013 21:18
    molto bella, e molto significativa
    complimenti e buona serata

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0