username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'urdema spiaggia

M'hanno lassata sola
n'terra 'a rena,
cu 'a voglia pazza
e' chistu mare blu...

E so' rimasta sola
cu 'e ricordi,
quanno navigavo
dinte all'onde,
cu 'o viento c'abbuffava
'e vvele bianche
e ll'acqua me sbatteva
attuorne 'e fianche.

Na vota 'o mese 'o masto
m'apparava qualche zella
e doppe m'allisciava
cu 'o penniello...
E io sotto 'o sole
pareve na' spusella,
cu 'o fiocco culurato dint''e capille,
in cerca e' na' scugliera curallina
cu 'o core nnammurato e' signurina...

Mò, invece, so' na varca alla deriva,
nu' legno che fa acqua a' tutte parte:
nisciuno cchiù m'aspetta nterra 'a rena,
nisciuno cchiù me tira ngoppe 'a riva!

Mò so' rimaste sule sti ccriature
che giocano currenno attuorne 'a panza,
e 'a sera dduje guagliune nnammurate
che dinte 'o scuro perdono 'a crianza!

TRADUZIONE:
L'ultima spiaggia

Mi hanno lasciata sola
sulla sabbia,
con una pazza voglia
di questo mare blu...

E sono rimasta sola coi ricordi
di quando navigavo nelle onde,
con il vento che gonfiava
le vele bianche
e l'acqua mi sbatteva
lungo i fianchi.

Una volta al mese il mio padrone

12

0
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 29/07/2013 16:41
    Per favore, conoscete un aggettivo più significativo di bellissimo, magnifico, splendido?... Mi piace troppo, forse anche perché io pure lo sogno tanto quel mare e qualcuno che mi ci voglia portare... Magari uno con "cuore" napoletano, di quelli che sanno far miracoli, specie di fronte ai desideri dei Vecchi!

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0