PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A voi co' l'indice puntato

Lo Signore, Dio nostro
ne la sua creatura
plasmare,
oltre a no soma,
'n'anima
e no intelletto
diede
e unico
lo rese,
ne lo proprio pensiero
libero esprimere,
senza lo Padre
e lo simile suo
offendere.

 

1
5 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 30/07/2013 18:05
    Ammiro da sempre la tua spontanea giustizia, Don, oltre che i tuoi versi. Complimenti.
  • Rocco Michele LETTINI il 30/07/2013 16:06
    NULLA DA CONTRADDIRTI DON... VERSI SINCERI E PURI...
  • Anonimo il 30/07/2013 14:20
    Sai, Don, qual è il lato negativo di questo pur così positivo aspetto?... Che, appena qualcuno il suo libero pensiero esprime, anche con le migliori intenzioni, immancabilmente qualche altro vi scorge offese non volute alla sua persona!!!

5 commenti:

  • Anonimo il 30/07/2013 14:30
    ... Poi, te lo voglio confessare, Don, ho pensato anch'io ciò che per la mente è passato a Vincenzo, ricordando la tua recente condanna a Papini. Io, veramente, ne ho ricordata spontaneamente anche qualche altra recente perché spesso severo è il tuo giudizio... Ora, però, mi raccomando, non te la prendere, visto che, chissà perché, chi facilmente condanna, facilmente si offende se qualche rimprovero a lui arriva.
    Tutto questo, Don, perché siamo amici, e, se gli amici le cose non possono dirsele come le pensano, che amici sono???!
  • Anonimo il 30/07/2013 13:32
    Ahi ahi ahi meglio metterlo altrove il dito piuttosto che puntarlo!
  • Vincenzo Capitanucci il 30/07/2013 12:34
    è così facile da capire... Don...è il nesso dell'indice puntato..
  • Don Pompeo Mongiello il 30/07/2013 12:29
    Questa me la devi spiegare!
  • Vincenzo Capitanucci il 30/07/2013 12:23
    A Papini

    Eretico tu,
    meriti lo girone
    che te spetta;
    e ne lo caso
    de incarnazione,
    come biscia
    strisciar
    tu sia.

    di Don Pompeo Mongiello..-

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0