accedi   |   crea nuovo account

Culpa mea

Effetto de lo solleone
è,
che la ragione
persa ho,
e lo mio Astolfo
pur non ho,
e seppur bene
voglio,
a lo Linguanti, Capitanucci,
Lezzi e via dicendo,
come pazzo
maledicendo vado;
ma pentito
sono
e lo sono assai.

 

3
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 30/07/2013 16:50
    Come diceva Totò, ogni limite ha una pazienza. Siccome il mio limite è quello di divertirmi e di non essere offeso, neanche dal solleone, allora la mia pazienza è poco paziente. Specie quando non comprendo il senso di alcune frasi, apparentemente senza senso e di cui non se ne vuol dare il senso, ma che non dovrebbero essere pensate, neanche per scherzo, visto che la mia disponibilità è stata, fino a poco fa, vera e totale.
    Tuttavia, dopo questa poesia di coccodrilliaca memoria, sono commosso e faccio finta di nulla e, ciò ch'è stato è stato.
    Spero promitto e iuro vogliono l'infinito futuro e allora nulla sarà in dare senza nulla cambiare!
  • Vincenzo Capitanucci il 30/07/2013 16:25
    Il Solleone a volte rende troppo leone... sicuramente non si può andare d'accordo su tutto... ma una parola tira l'altra... e le colpe almeno fra Te e me.. son condivise... con Salvatore è un altro discorso... e con Lui... Ti devi spiegare...
  • Rocco Michele LETTINI il 30/07/2013 15:57
    DON... NON GETTIAMO PIU' CRITICHE SU QUESTO SITO E SU CHI LO FREQUENTA...
    LEGGIAMO NEI CUORI DI TUTTI NOI E RIFLETTIAMO SU CIO' CHE OGNUNO DI NOI FIRMA...
    LEGGIAMO, COMMENTIAMO, NON ESALTIAMOCI E NON INVIDIAMOCI... È SEGNO DI MATURITA' E DI AMORE...
    CIAO...

1 commenti:

  • Anonimo il 30/07/2013 23:03
    Meno male, Don. Io conosco bene Linguanti, Capitanucci e Lezzi. I vecchi del sito. Sono persone VERE.
    Le cose, prima di farle, o di agire d'impulso, senza prima chiarirsi, non è corretto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0