accedi   |   crea nuovo account

Er fijo der burino

Nun era
che 'no regazzino,
minuto e poco artino,
ar Signore
le parme callose
de le mani
mostrava,
pe' la mietitura
dinanzi compiuta,
a lo sforzo
nun resse,
e de la tera
tutt'uno divenne;
ma lassù
ancora sente
lo profumato pane
der suo lavoro.

 

2
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 03/10/2015 06:02
    apprezzata... complimenti.
  • Rocco Michele LETTINI il 02/08/2013 21:25
    STUPENDA NE LA SUA SEQUELA DILIGENTEMENTE COSTRUTTA...
  • Anonimo il 02/08/2013 18:18
    Una lirica dialettale che descrive in modo sublime questa mietitura e la morte come consacrazione. Complimenti.

1 commenti:

  • salvo ragonesi il 03/08/2013 18:49
    la tragedia della vita. Molti sono coloro che lasciano vita sul duro lavoro purtroppo.. bella ancor di più nella sua forma forma dialettale. salvo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0