PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Mattina del tre agosto

Fuori,
oltre il mattino,
finestre aperte
e refrigerio.

Prima
del solleone.
Ascolto sugli alberi

e mi par tornar bambino,
uccellini,
tra loro discutere,
o cantare,

su cosa
natura potrà
offrirgli.

Frutto
del loro laborioso
e coordinato fare,

tra nidi, piccoli
da imboccare,
amori e predatori.
.

 

4
4 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 03/08/2013 15:09
    NEL POCO IL TANTO: ADORABILE VERSICOLATO... IL MIO RAFFAELE...
  • Antonio Garganese il 03/08/2013 08:44
    Una semplice ma attenta osservazione, certa parte di esseri viventi riesce a star qua con semplicità e accontentandosi di poco. Sarebbe così difficile anche per noi? Mah, bravo Raffaele.
  • Vincenzo Capitanucci il 03/08/2013 07:28
    fra amori e predatori... due finali in ori... cantiano parliamo e discutiamo su cosa la natura potrà offrirci.. se non l'opera del nostro fare... mi ha portato in mente questa poesia... fra le più incomprese di Rimbaud... almeno leggendo i commenti dei professoroni della Sorbonne.. in edizione pleiadi...

    BUON PENSIERO DEL MATTINO


    Alle quattro del mattino, d'estate,
    il sonno d'amore dura ancora
    e sotto i boschetti l'alba svapora
    l'odore di sere festive.

    Ma laggiù nell'immenso cantiere
    verso il sole delle Esperidi
    in maniche di camicia i carpentieri
    già s'agitano.

    Nel loro deserto di muschio, quieti
    preparano l'intonaco prezioso
    dove la ricchezza della città
    riderà sotto i falsi cieli.

    Ah! Per questi affascinanti Operai
    schiavi d'un re di Babilonia
    o Venere, lascia per un po' gli amanti
    dall'anima incoronata.

    O Regina dei Pastori!
    Porta ai lavoratori l'acquavite
    perché si plachino le loro forze
    in attesa del bagno nel mare, al meriggio.

    Maggio 1872.


    e si capisce anche da questa traduzione... dove l'eau de vie.. l'acqua di vita.. diventa l'acquavite...

4 commenti:

  • denny red. il 04/08/2013 03:31
    Il suon di un passo.. illumina il venir di un nuovo giorno.
    Bellissima! Raffaele, Un canto.. questa tua Bravo!

  • Eugenia Toschi il 03/08/2013 09:45
    La semplicità di un nuovo giorno... apprezzarlo con la gioia della natura, sarebbe molto positivo. Grazie per questi versi, molto belli.
  • Anonimo il 03/08/2013 09:05
    una vita che ricomincia... tutto ben descritto bravo raffffffff bacione
  • Vincenzo Capitanucci il 03/08/2013 07:32
    e ben pochi hanno visto in Venere... la stella del mattino... scusa Raffaele... tutte queste divagazioni...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0