PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Finalmente!

In uno
de li più profondi crateri
de la luna nostra,
lo meo Astorfo
uno nome,
a lui noto assai,
vide;
lo pescò,
co' eleganza
e discrezione
me lo portò,
e da allor
in mezzo a voi
de novo
son.

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 09/08/2013 12:23
    Trovo difficile la spiegazione di una poesia che è piacevole come lettura e in quanto poesia di valore và letta due e più volte. Pare che ti sia trovato in un momento di smarrimento, ma qualcuno a te caro ti abbia recuperato dalla luna. Spero di non aver offeso la tua sensibilità interpretando così malamente questa tua. E chi è astorfo? Una figura epica? Grazie per i tuoi puntuali ed efficaci commenti alle mie poesie. Buon Ferragosto.

1 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 09/08/2013 12:55
    Bene, rispondendo a te Raffaele, penso di poter soddisfare anche gli altri. L'ispirazione mi vien dall'Ariosto, nel suo Orlando Furioso, e Astolfo, e non Astorfo (che è mio), gli recuperò il senno, perso per la sua innamorata. Ma il senno lo si può perdere anche per altre cose. Ricambio gli auguri con tutta sincerità.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0