accedi   |   crea nuovo account

Notte di clochard

Un foro d'amore gravido,
creai con la forza dorata del mio pianto,
in questo cartone
che il tempo coperta per me battezzò;
individuarmi sa sempre,
il canto ancestrale di stelle complici,
quando addormentarmi alla stazione,
elisir diventa,
di tranquillità carezzevole e illusoria.
Aspetto ha,
di ruvida, incostante preghiera,
questa povertà che mi dimora,
su strati di pelle
troppe volte umiliati e screpolati.
Ma sono sempre io,
frammento ingovernabile
d'un precario infrangibile
che vestirsi non vuole nè sa
di definitivo addio.
Qual libro infuocato e urlante
essere sa questo naviglio
che sfogliare sa
con dita incantate di madre,
le pagine di ciò che non fui,
ma neppure, in fondo,
mai rimpiansi di essere.
Custodiscono le mie orecchie,
bisbigli di passi indifferenti
ispido vociare di anonimi passanti,
sguardi protesi
sulla dama seducente e impietosa
d'una fretta che è dimenticare,
dimenticarsi.
Or si offre, sempiterna,
la notte a me complice violino,
pizzicano le mie mani tremebonde,
rughe tracciate indelebili,
da un'adottiva madre
che imparai a chiamare solitudine,
mai forse crederesti, amico,
che esiste un fascio di respiri,
che ruggisce nella vita mia,
e incrollabilmente spera,
di farsi un giorno poesia.
Vado ora,
come sempre più di mai,
un'altra notte il mio autografo attende,
di tenerezza e follia,
perchè quest'esistenza
pur traballante e infida che sia,
di concedersi accetti,
autenticamente mia.

 

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Caterina Russotti il 10/08/2013 02:10
    Analisi profonda di una vita di strada.. Nel leggerla.. Mi èsembrato che tu fossi lì, attento osservatore... piaciuta molto! Bravo
  • Alessandro il 10/08/2013 01:58
    E mi sembra di vedere questo Charlot così originale, con un tocco di follia repressa che si scatena durante la notte.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0