accedi   |   crea nuovo account

Era uscito dal corpo per non soffrire

Era uscito dal corpo per non soffrire.
Per raccontarsi un sacco di stronzate.
Ora non riusciva più a tornarci dentro e a dimenticare il viaggio che aveva fatto.
Era rimasto intrappolato nella debolezza alla quale non aveva mai aspirato, ma nella quale chi gli voleva bene l'aveva spinto con fermezza. Convinti di fare la cosa giusta.
Era troppo fragile, troppo buono, troppo speciale. Era troppo, anche per se stesso.
E sebbene stesse imparando a difendersi in quel periodo, qualcosa ruppe l'equilibrio per sempre.
Ma nulla è per sempre, nulla è mai per sempre. Tutto si rompe e assume un'altra forma.
È solo questione di fiducia, di speranza. Di tempo.

 

1
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 10/08/2013 12:31
    Nulla la vita crea per farlo morire, ma solo per realizzare il suo individuale, unico, straordinario cammino esistenziale... Anche se non sempre è facile realizzarne la lettura: il senso abita sempre oltre le cose.

5 commenti:

  • Anonimo il 15/12/2013 09:21
    Ti ho riletto... Per la forza che questo tuo scritto dona ogni volta. GRAZIE! Vera
  • Andrea il 10/08/2013 15:46
    Grazie a tutte per le bellissime parole, grazie a Vera per il benvenuto!
    Un forte abbraccio a tutte e 3 e alla prossima lettura.
    Andrea
  • Anonimo il 10/08/2013 13:54
    Benvenuto tra noi, Andrea. Il tuo modo di scrivere mi piace molto: lo trovo essenziale, intenso.
  • Caterina Russotti il 10/08/2013 10:52
    La fragilità umana.. succube della mente... Molto bella! Grazie
  • Ely xx il 10/08/2013 08:37
    A volte é necessario uscire dal corpo per non soffrire e ci sono vari modi per farlo. La mente è assai potente e, sia con la sola volontà che aiutata da effetti chimici, puo' dirigersi in questo percorso. Bello il tuo scritto. Mi hanno colpito molto le frasi "era troppo anche per se stesso" e "tutto si rompe e assume un'altra forma". Le ho sentite particolarmente mie. Bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0