PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Intime esplorazioni

dagli occhi bruni emergono lampi
celati dalla coltre di pudore grigio
bruni i capelli fluenti scivolano
carezzando le spalle tese e i seni gonfi
poi il sipario nasconde la scena

le forme racchiuse in sacchi di tela
premono i pensieri e vola la mente
appesi con grazia dondolano lievi
d'un'altalena all'unisono i colpi

la pancia accennata ha un filo di pelo
che dalla profondità dello slip
sale verso l'ombelico
la inseguo alla fonte scostando i peli
con la lingua bagnata d'affanno

profumo intenso sapore di donna
d'un tratto esplode una nuvola nera
di lucidi ricci e la chioma folta
e rosso fuoco le labbra umide
che pare respirino

le mani scivolano una per parte
sulle cosce fino alle dita dei piedi

smaltate d'un rosa confetto
con le braccia distese sulle tue gambe
la lingua esplora la cavità sublime

suggendo aromi come un ape col fiore
baci tra pelo e pelle fino a leccare
percorrendolo con un fil di bava
il perineo sentiero inesplorato

sindrome di stendal dal buco rettale
m'annienta e nulla di mille desideri
prende più la forma d'un'azione

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 10/08/2013 14:12
    FELICE RITORNO... NE L'INCISIVO DE LI TUOI VERSI... IL MIO ELOGIO
  • Anonimo il 10/08/2013 12:58
    Ed io che mi considero un aggressivo ed esperto indagatore delle delizie femminili. Per me è di quella sconcezza a luci rosse che farebbe arrossire anche Rocco Siffredi. Però è la natura l'artefice di così spudorata bellezza.
    Hard al massimo!

11 commenti:

  • stella luce il 11/08/2013 22:13
    che dire... sensule, e altamente passionale... bravo come sei sempre
  • augusta il 11/08/2013 08:36
    zingaretti mi scuso solo ora ho visto... 1 beso
  • Anonimo il 10/08/2013 15:35
    la conversazione cominciava nel mio commento precedente, Augusta, e prosegue nel commento successivo con una parola adeguatamente messa fra virgolette. Non so se ci ha fatto caso. Un saluto.
  • Anonimo il 10/08/2013 12:38
    Ognuno ha i suoi gusti, anche i poeti.
  • augusta il 10/08/2013 11:21
    perchè .. zingaretti la trovi sconcia.. non direi assolutamente... perchè non provi vederla sotto un'altra prospettiva in fondo se ci pensi...è madre natura... non voglio essere polemica... il mio è solo un punto di vista e rispetto il tuo
  • Caterina Russotti il 10/08/2013 10:37
    Senza parole! Credo che la poesia parli da sola! Bravo
  • Anonimo il 10/08/2013 10:31
    È molto "sconcia" ma è scritta in maniera eccellente
  • senzamaninbicicletta il 10/08/2013 10:25
    grazie caterina, e io che credevo fosse sconcia
  • Anonimo il 10/08/2013 10:09
    Complimenti per questa poesia. È molto intensa, nel suo genere, senza cadere mai nella volgarità. Bella.
  • senzamaninbicicletta il 10/08/2013 09:34
    bentrovata augusta poesia "dedicata" ma senza troppa velleità artistica, ma grazie lo stesso cara :*
  • augusta il 10/08/2013 09:30
    il tuo rientro è splendido... aver letto questa tua... la mia giornata sarà sicuramente in estasi... e rosso fuoco le labbra umido che pare respirino... questa è arte... un grande beso...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0