PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Delitto e catigo

fummo sagome veloci
tra filari d'uva fragola
e come volpi in agguato
aspettavamo il momento
d'acciuffar lesti la preda
in raspi colmi del miele
di succosi acini rossi

delle fughe repentine
nelle sfide tra i vitigni
col coraggio e lo spavento
- Noi - ci proclamammo Re
e cinici impuniti Eroi

ma sui volti da fanciulli
come di lepri braccate
rossa appariva la paura
quando l'urlo del padrone
sibilante e inferocito

- cosi come il suo scudiscio -

avrebbe assai volentieri
accarezzato
ogni nostro culo imberbe

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 10/08/2013 15:09
    quel prendere quello che la natura offriva gratuitamente ci faceva sentire dei Re... al dolce sapore degli acini d'uva... si univa la paura dello scudiscio... e questo ci trasformava in Eroi...

    molto bella... senzamani... risveglia ricordi.. dal titolo anche la lettura di Fedor...

    come volpi in agguato
    fummo sagome veloci...
  • augusta il 10/08/2013 11:28
    questo è un piacere che mi manca.. sarà che sono nata in città... e non ho mai avuto l'occasione di assoporare... la fuga dopo aver rubato un po' di ciliegie... cmq il mio plauso.. 1 beso
  • senzamaninbicicletta il 10/08/2013 10:32
    grazie a te cateerina, è proprio così: da ragazzini andavamo per vigneti e più d'una volta ce la siamo vista brutta
  • Caterina Russotti il 10/08/2013 10:24
    Bella... Mi riporta a ric ordi lontani, quando il padrone del ciliegio ci rincorreva perchè avevamo colto le sue ciliege che stavano dietro la scuola. Piaciuta Grazie!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0