PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Diverso, perchè?

Un bambino come me
sei te
perché gli altri
pensano
che io sia
superiore a te?
La mia razza
al vostro popolo
è superiore perchè?
Eppure abbiamo
lo stesso cuore!
Uomo come me
diventerai,
ragazzo come me
tu sarai!
I nostri cuori
a questo soldato musone
vorrebbero strappare
un bel sorrisone.
La mamma mi dice
che attento
devo stare e a voi
non devo parlare.
Io le chiedo
perché con voi
non posso giocare
e invece vi devo odiare!
Tanto male
non ci potete fare.
Piccolo mio lascia stare
non hai già tanti amici
con cui giocare?
È tardi ora
ti devi addormentare
perché domani a scuola
devi tornare!
Io il giorno dopo
con il cuore in mano
corro lontano con te
a giocar
e insiem sereni
noi due possiamo restar,
perché la guerra è finita,
evviva la vita!
Diverso perché?
Diverso da chi?
Tutti diversi siamo
ma bene insieme viviamo
perché insiem il mondo cambiamo.

 

4
6 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 08/10/2016 12:10
    Invece io vedo in questa una tua superiotà rispetto a chi ti confronti, potresti essere tu tanto piccina rispetto a loro, che non sai nemmeno dove tu sei.
  • Alessandro il 11/08/2013 23:58
    L'odio e l'ignoranza sono bestie dure da combattere. Nonostante ciò, nella tua giovane età scorgo piacevolmente talento e voglia di migliorare il mondo.
  • LIAN99 il 11/08/2013 14:36
    Complimenti e benvenuta a questa giovanissima poetessa che nel suo componimento ha saputo trattare con la leggerezza d'una farfalla e pure con l'incisivitá d'una lama affilata, un tema tanto scottante e delicato come quello della discriminazione del "diverso" da noi. Dovremmo tutti riflettere e prendere esempio dalla spontaneitá e dalla saggezza dei bambini. E ricordare il monito divino: "Se non diventerete come bambini, non entrerete mai nel Regno dei Cieli"! Brava.
  • Francesca Pellizzi il 11/08/2013 12:38
    Molto bella. Nel percorso della vita gli uomini crescendo, saranno segnati da eventi, che li porteranno a indurirsi, ed osservare il "diverso" con diffidenza. Nulla di più bello di sapere osservare ciò che lo circonda con gli occhi di un bambino. Hai trattato una problematica con delicatezza, che narra la storia di tutte le epoche.
  • Anonimo il 11/08/2013 09:17
    Ti ascoltassero tanti umani disumani! E insegnassero i genitori da chi <davvero> i propri figli devono guardarsi nella vita!!!

6 commenti:

  • Arianna il 11/08/2013 13:12
    grazie mi piace molto narrare le problematiche sociali! Ora pubblico le altre poesie
  • Arianna il 11/08/2013 13:12
    grazie mi piace molto narrare le problematiche sociali! Ora pubblico le altre poesie
  • cadoni angelo il 11/08/2013 10:15
    Brava, hai toccato un argomento che non terminera' mai purtroppo. Cosa importante come altri ti hanno suggerito, fai la tua strada, a testa alta e credi sempre alle tue idee. Tanto nessuno e' perfetto. Ciao
  • Caterina Russotti il 11/08/2013 09:48
    Con la purezza tipica di una fanciulla e con maestria sei stata capace di raccontare ciò che gli adulti non sono in grado di vedere. Brava
  • Antonio Garganese il 11/08/2013 09:34
    Piccola Arianna, crescendo ti accorgerai che in tanti cercheranno di modificare i tuoi bei pensieri puliti. Non ascoltarli e se ti diranno che così facendo rimarrai bambina per tutta la vita, rispondi che non poteva capitarti migliore fortuna. Benvenuta.
  • Anonimo il 11/08/2013 09:18
    siamo noi a mettere limiti a vedere differenze... ma gli occhi del cuore non vedono alcuna differenza... brava arianna continua a pensare con il tuo cuore e benvenuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0