PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il nutrimento come unico motore

Ho visto sul tetto terrazza di una casa
un gabbiano parlare con quattro piccioni

raccontava di quanto è bello sorvolare il mare
di quante sensazioni d'infinito si possono raccogliere tuffandosi in un'onda scintillante di sole

ma i piccioni continuarono ad amoreggiare fra di loro
gonfiandosi di petto e girandosi intorno

dicendogli

"Noi non mangiamo pesce

viviamo di scarti e dei pochi semini che l'uomo ci dona "

ed il gabbiano volo via

portandosi via

tutti i sogni della mia generazione

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

Il titolo è alquanto velenoso.. ( il fatto è realmente accaduto... alle 6 di questa mattina... poi ho aggiunto un pizzico di immaginazione )...


4
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 13/08/2013 07:02
    NEL SOSTARE DI UN GABBIANO TUTTO IL NOSTRO FREDDO GIORNALIERO CHE ALTRO NON FA CHE FARLO RIPRENDERE IN VOLI MENO DI MAGRA... UN FORGIATO IN UNA SEQUELA METAFORIZZANTE...

3 commenti:

  • Caterina Russotti il 13/08/2013 09:40
    Bella.. Veramente bella... Vero, l'uomo ci dona pochi semini che tocca a noi farli diventare un bel fiore, e con la maestria che hai tu Vincenzo.. Son sicura che da un seminò riesci a tirar fuori un capolavoro.
  • karen tognini il 13/08/2013 07:55
    Bellissima e profonda...
    bisogna essere gabbiano per volare alto...

    e non vegetariani eheheheh... scusa la battuta
  • loretta margherita citarei il 13/08/2013 07:07
    bella fiaba con morale, ma tu cap, gabbiano, hai una gramde fortuna,:la libertà di volare in alto sfioramdo le alte quote

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0