accedi   |   crea nuovo account

Verso chi verso dove verso quando

Attratto da un verso incompiuto
attraversi senza guardare la strada

Ti getti nel traffico delle parole

mettendo in gioco tutta la Tua vita

vai
a capo verso

oggi
fra il benestare placido delle autorità locali alla morte
urla solo il discorso del silenzio

e
non sai più

in quel tratto buio di strada
distinguere due occhi dai fari di una macchina

una stella da un lampione

una lacrima da una goccia di pioggia

se sei una vittima di un pensiero dalle corde vocali intrecciate ad un attimo muto
o l'eroe di un cuore paladino

pronto a sopravvivere

fra tumultuose sensazioni

all'incidentale voce

incontrata
dalla Tua anima in un magico cielo di sospirato Amore

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

pubblicare sul sito è diventato una roulette russa... il più delle volte mandi un testo e svanisce nel nulla... mentre i crediti puntualmente ti vengono tolti...


3
4 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 16/08/2013 17:02
    Vincé, sono rientrato solo per poco, ma non connetto ancora. So solo che non ho scritto e, finché sto in vacanza, non ci penso affatto.
    Però, ogni tanto vi leggo.
    Buona serata Vincé!
  • Rocco Michele LETTINI il 16/08/2013 13:50
    Doverosa denuncia... E la pioggia continua a scrosciare... Quanto vorrei leggere e sottoscrivere anch'io... IL SITO NON HA PIU' IMPURITA'...
  • Anonimo il 16/08/2013 12:21
    Carissimo Vincenzo, conosci il motivo del mio sciopero. Trovo questa tua lirica di denuncia è davvero apprezzabile e condivisibile. Il mio sciopero continua, ma leggerò sempre gli scritti. Complimenti.
  • Don Pompeo Mongiello il 16/08/2013 10:16
    Nel sito ormai sta succedendo di tutto, questa tua però, a mio modesto avviso, lo pone su un piedistallo, come amava dire Totò, pur essendone in effetti una denuncia. Apprezzatissima!
  • roberto caterina il 16/08/2013 07:55
    Strano... sono stato fortunato finora non mi è mai capitata un'esperienza del genere relativa ad una pubblicazione (a volte se si mettono dei caratteri strani nel titolo qualcosa non va, ma nel complesso non posso lamentarmi). Per quanto riguarda il tuo poem bella l'immagine del traffico delle parole in cui si rischia ogni giorno la vita.

4 commenti:

  • karen tognini il 17/08/2013 10:17
    Meravigliosa Vincenzo... pronto a sopravvivere

    fra tumultuose sensazioni

    all'incidentale voce

    incontrata
    dalla Tua anima in un magico cielo di sospirato Amore

  • loretta margherita citarei il 16/08/2013 18:15
    accade qualche volta, porta pazienza, molto originale
  • francesco contardi il 16/08/2013 10:23
    "Urla solo il discorso del silenzio" . mai più citazione mi trova in totale accordo, basta guardare al mondo, a chi ci comanda, sente le urla ma fa finta di niente.
  • Antonio Garganese il 16/08/2013 08:27
    Se ti succede questo mi dispiace, peccato davvero magari viene una bella idea e la saprai solo tu. Che dirti? Ritenta, i punti sono sempre quelli che uno merita, nonostante eventuali arbitraggi contrari... Ciao.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0