accedi   |   crea nuovo account

Paura

il sole come arde al suo interno
il cielo che abbraccia noi tutti
ci coccola e ride e piange e urla.
che poi di la
dove nulla splende niente gira
come pagine vuote nere inutili perfette.
e Lui insieme di punti infiniti
infinitamente piccoli,
Lui, mai si ferma
immobile come ciò che poi non esiste.
quando non esisterà più
quando quella stella si stancherà di fondere e fondere
quando il cielo cesserà il respiro fonte di vita, di morte.
quando il nero non sarà più tale
e l'idea stessa svanirà,
di me cosa ne sarà...?
se il mutamento implica un passaggio
il mutamento nel nulla, genera qualcosa che non c'è
l'energia che però muove, nulla non può essere
e allora... forse forse ho terrore che ciò che rimarrà
è solo paura.

 

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • LIAN99 il 17/08/2013 17:45
    Bella ed angosciante. Più intellegibile e godibile la parte finale, mentre per la prima parte ho avuto qualche problema di interpretazione, forse anche per una questione di punteggiatura. È comunque una composizione interessante e coinvolgente.

1 commenti:

  • Caterina Russotti il 17/08/2013 16:11
    Il nulla... Farebbe paura anche a me! Bella complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0