username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Quale futuro

Domina il silenzio
che ancora da poco
si è accesa la tenua luce

dell'aurora del sole
meraviglia di natura
che tanto bella,

colpisce al cuore.
Dilaniata nelle sue fattezze
dal tempo che fu

ora fa quasi paura
per come reagisce
con acquazzoni,

troppa calura
mancanza di aria.
Se non la rispettiamo

ci uccide piano piano.
E il male non è per noi
ma per le generazioni

che nascono oggi.

In questo istante.

Che sole vedranno?

 

0
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 18/08/2013 09:15
    Alla ricerca ansimante del sereno tra scrosci malinconici di quotidianità... Profondo costrutto volutamente postato...
  • roberto caterina il 18/08/2013 05:57
    Molto pessimista rispecchia il momento attuale che ci impedisce forse di godere di un bello acquazzone estivo o di fine estate.

2 commenti:

  • loretta margherita citarei il 18/08/2013 15:45
    gli uomini sono sordi al richiamo
    per salvare il salvabile, oggi ancora si continua a stuprare la natura, bella ciao raf
  • Anonimo il 18/08/2013 08:05
    Non si fa spesso in tempo a godere dell'alba, che già rattrista il nuovo giorno, facendoci temere soprattutto per il domani. Ma ai giovani specialmente passione dobbiamo trasmettere per la costruzione personale e responsabile di ogni difficile futuro. Poiché il presente raramente è tempo di raccolta, il quotidiano è soprattutto tempo di faticosa semina.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0