PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dislocazione

L'aratro della menzogna
può solcare i nostri giorni d'ipocrisia
può pascerli come armenti in un campo teatrale
e inorgoglirsi della sepoltura della parola

Ma resta ferma nella tasca del dubbio
quella piccola sfera chiamata realtà
sorellastra della verità
o sua rivale e nemica riflessa

Possiamo supporre che
ciò che scegliamo
sia al tempo stesso desiderio desunto
o fede accesa
ma non possiamo conoscere il nome del domani
solo perché capaci di ascoltare il suo richiamo
né pianificarne i contorni
con strumenti vagamente coscienti

L'Architetto che ci fece
Fece anche la nostra volontà
sostanza scomoda e sorprendente
inseparabile da noi e il nostro intruglio

La libertà
é il quarto potente spettro
che ci rimbocca le coperte al sole
e ci abbandona nudi
nella neve...

 

1
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 30/10/2013 05:17
    apprezzata, complimenti..

4 commenti:

  • augusto villa il 01/09/2013 18:14
    Sempre nel tuo stile... una bella poesia/riflessione...
    -----
  • laura cuppone il 20/08/2013 11:58
    Carissimo Nico
    ... cosa dire?
    Ognuno di noi tende a far previsioni, che puntualmente non si avvereranno o che lo faranno senza "ringraziare"...
    Quanto costa il libero arbitrio?
    Una seduta con noi stessi... presumo...


    Un abbraccio!

    Laura
  • Nicola Saracino il 19/08/2013 20:27
    e quella sorellastra della verità... è un coltello intriso di amarena.
  • Nicola Saracino il 19/08/2013 15:50
    Un canto della pizia.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0