username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Realtà oniriche

Rompe l’argine un’alterna fortuna
Cadono in pezzi le barriere ad una ad una
Fa capolino un sogno che mi chiede aiuto
C’è un bambino muto, uno sorridente ed uno trasparente
Fanno giochi con la coda rincorrendo un tramonto
Mi dileguo nel mio manto e li guardo
Scorro l’ebbrezza che li colora
E cancello l’ansia che mi divora
Una signora blu notte corregge le stelle
Quasi a farne un disegno astratto
Passeggia un matto senza inibizione
Miagola un gatto cantando al presente
E il tempo retrocede, si annulla
Sembra non essere mai esistito.

(Inverno, 1996)

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Alessio Cosso il 25/03/2008 13:10
    ... bella poesia, peccato solo si perda man mano la rima...
  • Federico Magi il 25/02/2008 11:15
    Il tempo, caro Vincenzo, è il nemico più grande contro cui ci troviamo a confliggere. Ne sono più che convinto. E grazie dell'apprezzamento.
  • Vincenzo Capitanucci il 25/02/2008 02:09
    Stupenda poesia... Vestiamo i nostri sogni con il nostro amore... e passeggeranno sempre con noi... dandoci una mano in ogni cosa... fino ad annullare il tempo... e potremo finalmente miagolare di gioia nel presente

    Un abbraccio senza inibizione
    Vincenzo
  • Rosita Catillo il 30/11/2007 14:52
    Questa poesia è un quadro! Bellissimi i versi: "Una signora blu notte corregge le stelle/Quasi a farne un disegno astratto"Complimenti!... Rosita
  • Federico Magi il 24/10/2007 17:00
    Grazie a Marilena e Musa per il commento e l'apprezzamento. Musa? Che bel nick, evocativo assai. Quale artista non vorrebbe averne una?
  • marilena rimpatriato il 01/09/2007 22:21
    I sogni hanno il potere di cancellare le ansie e di rompere le barriere imposte dal vivere sociale e di diventare ciò che si vorrebbe essere e non si è. Si può annullare l'esistenza del tempo che ci insegue e magari magicamente correggere dei fatti o dei gesti che non ci erano piaciuti. Ne so qualcosa e ti capisco.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0