username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'assassinio delle parole

Ero insicuro su quel che facevo,
la notte agivo e il giorno piangevo
quello che ero diventato oramai:
tagliavo le lingue di chi troppo parlava
e un poco mi sentivo stupido
al pensare che anche io ero quello che li giudicava.

Ma la mia mente di spugna
aveva assorbito per troppo tempo
le parole di chi mi trovava pazzo e
se questo pensavan, se questo volevan,
pazzo lo son diventato.

È un lavoro sporco, lo so,
ma la mia follia è il passo verso la tranquillità
che sono andato a cercare
nel silenzio del vostro sparlare.

Tra lingue di sangue, mute e pendenti
finalmente vive e non avvelenate
dalla soluzione, che soluzione non era,
delle vostre malvagie menti.

Un litro d'idiozia,
tre grammi di anti-personalità,
sette gocce di ignoranza
e le più amare lacrime della mia follia.

Se questo è il vostro involucro vitale
io bloccherò queste mie lacrime amare
e voi, senza la soluzione finale,
non conoscerete altro che la morte.

E ora non ho più nessuno sulla coscienza
il nostro nutrimento è ciò che siamo
non si può esser sazi di ciò che non ci appartiene
e del dolore di un folle,
io un po' ne avrei diffidenza.

Ho smesso di piangere,
ho smesso d'essere quello strano assassino,
ho iniziato a riprendere i chilogrammi persi della mia vita
e... quando sono generoso,
a poggiarvi sui corpi spenti,
anche qualche grammo della vostra.

Ed ora, forse, riuscirete ad intraprendere
uno di quei

Viaggi
Infiniti
Verso le
Eterne
Risorse dell'
Essere.

 

0
7 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 22/08/2013 19:05
    Un litro d'idiozia,
    tre grammi di anti-personalità,
    sette gocce di ignoranza
    e le più amare lacrime della mia follia.

    INGREDIENTI AMARI CHE PREFERISCONO SERVIRE OMETTI DA NIENTE E SENZA ALCUN PUR MINIMA RIFLESSIONE CHE LI POSSA ESIMENERE DAL...
    UN PROFONDO VERSEGGIO MIRABILMENTE COSTRUTTO...
  • Anonimo il 22/08/2013 17:15
    Avrei da dire perchè mi ha sempre affascinato la follia ammantata di saggezza. Però il successo premia alla fine le nostre aspirazioni e si ritorna ad essere savi o lucidi nella follia.

7 commenti:

  • Fabio il 20/11/2013 00:42
    la tua vita è più importante, le parole lasciano il tempo che trovano quando le persone sono vuote. la tua rabbia e il tuo dissenso alle persone è notabile in questa poesia. condivido pienamente il tuo pensiero, ho provato queste situazioni sulla pelle, e mi ci sono rivisto sulle tue parole. bravissima
  • stella luce il 24/08/2013 16:40
    essere pieni di troppe parole che non portano a nulla... meglio restare nel silenzio e cercare il vero ragione di essere... letta e riletta... davvero bella
  • Giulia il 23/08/2013 17:09
    Vi ringrazio per i bei commenti e le belle recensioni. Gentilissimi
  • loretta margherita citarei il 22/08/2013 19:43
    molto originale piaciutissima
  • Anonimo il 22/08/2013 17:47
    Molto suggestiva e con una chiusa sorprendente. Complimenti.
  • Vincenzo Capitanucci il 22/08/2013 17:12
    Bellissima Giulia... la mia follia è il passo verso la tranquillità .. senza la soluzione finale,
    non conoscerete altro che la morte...

    ottimo l'acrostico finale..
  • augusta il 22/08/2013 17:01
    nulla d'aggiungere... e bella la chiusa 1 beso

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0