username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Io non c'ero

<Ancora qualche giorno
e toglierò il fastidio.>
Vedersi tutti intorno
mia madre ne soffriva.
Lei se lo sentiva,
infatti dopo poco
contrita, dipartiva.
Ed io non c'ero,
non c'ero io
quando l'Angelo di Dio
ti tese la sua mano
per elevarti al piano
oltre il firmamento.
Più tardi, m'arrivai.
Il farti compagnia
fu eco e antologia
di tutti i miei perché.
Eri severa in volto
come nell'ore estreme,
io un po' stravolto
di quel stare insieme,
e ne approfittai:
non piansi, ma parlai.
Muto ed in catene
ti dissi all'infinito:
ti ho voluto bene.

 

5
7 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 05/09/2013 21:25
    Tu gli vuoi bene, un mantra meravigliso nella chiusa. "ti voglio bene" come a riparare gli screzi normali di una vita con una madre severa che dà la giusta guida, e la ricerca di indipendenza da questa sorta di viver come bambino, per costruire la propria vita, dignitosamente. Opera di gran pregio, che ho trovato molto bella. I miei oomplimenti Ugo. Poesia di contenuto e stile. Nostalgia di un tempo e istantanea emozionale. Piaciuta.
  • AlfaCentauri il 24/08/2013 12:09
    ... commemorazione messa in questa sezione proprio a dimostrare che la mamma è sempre la mamma e mai si dimenticherà...
    "Sarà, ormai da tempo, nelle nostre galassie a vegliare sui vivi"
    (cit)
  • silvia leuzzi il 23/08/2013 21:14
    Struggente Ugo, tutto l'amore di un figlio è racchiuso in queste tue parole così dolci, così intense. Complimenti sinceri Silvia
  • Rocco Michele LETTINI il 23/08/2013 20:27
    Ti plaudo Ugo... non lascio commento perché è tanto il dolore che porto per mamma che il tuo profondo verseggio mi ha toccato...

7 commenti:

  • Emiliano Francesconi il 09/12/2013 14:23
    Ugo non ti conosco, non ho perso ancora i miei genitori adorati per fortuna, ma leggendo questa tua meravigliosa poesia mi sono commosso e ho pianto!!!!! Ti abbraccio forte!!!
  • Nicola Lo Conte il 09/09/2013 21:35
    L'amore passa le vite... dunque è eterno...
  • Anonimo il 08/09/2013 09:14
    bellissima Ugo carezza l'anima ed il cuore... parole che arrivano e commuovono con affetto e stima
  • salvo ragonesi il 05/09/2013 07:48
    Si non ho pianto nemmeno io, l'ho baciata in fronte e le ho detto vai con Dio. Bellissima. salvo
  • Ellebi il 24/08/2013 00:16
    Poesia magnifica, e non potrebbe essere altrimenti per la propria madre. Un saluto
  • Aedo il 23/08/2013 22:35
    La madre rappresenta un tesoro unico, insostituibile. E tu manifesti con la solita maestria il grande amore verso di lei. Bravissimo!
  • Anonimo il 23/08/2013 18:50
    Certi momenti dolorosi si portano sempre nel cuore. Nel titolo c'è il rammarico che ancora ti porti dentro ma le mamme comprendono sempre tutto... estremamente poetici, melodiosi, intensi ma come sussurrati i tuoi versi.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0