username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Le mani in pasta

Non siamo nati cuochi
e quando ci diedero
farina, uova, zucchero, burro e lievito
ci guardammo stupiti,
ma in fondo divertiti
di affrontare questa nuova avventura.

Poi la farina non andava bene,
ci voleva quella senza glutine,
che era più dura,
che richiedeva più burro,
che lavorarla o troppo poco
oppure tanto,
non sapevamo se faceva la differenza.

La vita è come una torta senza glutine,
ti puoi industriare quanto vuoi
lei riesce ad alcuni
a noi... forse... chissà!
Si tratterà di provare e riprovare, del resto
solo affondando le mani nella pasta
se ne conosce la consistenza giusta.

 

2
8 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 29/08/2013 09:20
    brava!!! le metafore sono veramente ottime!
  • Francesca Pellizzi il 25/08/2013 00:02
    Presenta un costrutto incalzante e musicale. Molto particolare e diverte. Aggiungerei per fortuna, che esiste il glutine!!!! Complimenti!! Grazie Silvia mi stupisco sempre di più.
  • Caterina Russotti il 24/08/2013 18:02
    Che bella metafora, paragonare la vita ad un impasto... Nel quale ognuno di noi può creare qualcosa che gli potrà riuscire bene o male... Ma se nemmeno ci provi, rischi di rimanere a mani vuote... Senza un buona o bella torta. Bella poesia sulla vita. Piaciuta.

8 commenti:

  • stella luce il 27/08/2013 14:22
    bello vedere il nostro vivere come fare una torta... certo io che non sono capace di cucinare capisco forse perchè sbaglio sempre a dosare... in tutto... ciaoooo
  • silvia leuzzi il 25/08/2013 21:16
    Sai Charles che non sapevo che tag dare? Ho cambiato il solito Introspettiva... provvederò se trovi che stona... grazie del consiglio amico
  • Anonimo il 25/08/2013 16:14
    Non siamo nati cuochi e quando ci diedero farina, uova, zucchero, burro e lievito ci guardammo stupiti, ma in fondo divertitidi affrontare questa nuova avventura.
    Poi la farina non andava bene, ci voleva quella senza glutine,
    che era più dura, che richiedeva più burro, che lavorarla o troppo poco oppure tanto, non sapevamo se faceva la differenza.
    La vita è come una torta senza glutine, ti puoi industriare quanto vuoilei riesce ad alcuni, a noi... forse... chissà!
    Si tratterà di provare e riprovare, del resto solo affondando le mani nella pasta se ne conosce la consistenza giusta.
    Ecco, scritta così chi potrebbe dire che questa è una poesia filosofica?... ci sono stati 5 autori in tutta la storia della poesia a scrivere poesie filosofiche... io cambierei tag, se permetti... però sai com'è, i miei consigli importano poco. Se piacciono sono un tesoro, se non piacciono allora è polemica. Giusto?
  • Anonimo il 25/08/2013 16:10
    Poesia filosofica?... caspita, modesta la nostra Silvia. Sì, buona metafora, pensiero calzante, forse andava meglio un aforisma o un breve racconto tipo riflessione, ma una poesia... filosofica poi?... via, non esageriamo. Un saluto.
  • silvia leuzzi il 25/08/2013 12:14
    Grazie Francesca, grazie ad Ellebi e a Fabio che avete compreso il messaggio e trovate originale come l'ho esposto... grazie di cuore
  • Ellebi il 25/08/2013 00:40
    Appunto, ottima similitudine per svariati temi, compresa la vita, non per niente "le mani in pasta" è diventato proverbiale. Saluti
  • Fabio Magris il 24/08/2013 23:36
    Veramente azzeccatissima questa metafora e la chiusa. C'è invece chi le mani in pasta le mette per fare altro...
  • silvia leuzzi il 24/08/2013 18:38
    Grazie Caterina

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0