username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Maestro

Il mondo, grigiastro, oscuro, assai incolore;
L'estate, sfuggente, perplessa, ma bella e vera.
Tu hai risvegliato qualcosa che, forse, dormiva;
Di questo che cosa facciamo? Amore? Dolore?

Viviamo la vita; viviamone ogni momento;
Lasciamoc'andare; dov'è che vuoi che andiamo?
Non so se ti amo, se m'ami, se noi ci amiamo;
Ma quando ti dico - ti voglio, piuttosto non mento.

È stato stupendo averti, ma non abbastanza;
È stato stupendo vederti, sentirti venire;
È stato stupendo il nostro abbraccio, eterno.

Non so come vedono noi, al di là, dall'esterno;
Non so se è stato l'inizio che debba finire:
Non so, non so proprio niente; c'è troppa distanza.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Aliena il 07/09/2013 11:58
    non credo che sia l'amore, è troppo strano aver vissuto poco tempo fa ciò che ho sognato la metà della mia vita fa..
  • Aliena il 30/08/2013 21:37
    versi dedicati al mio Maestro di pittura.. che 15 anni fa lo sognavo.. ora il sogno s'avverato, ma non saprei cosa farci, dorei niente..
  • stella luce il 30/08/2013 21:31
    un amore passionale forte intenso... ma troppo distante e forse troppo difficile da vivere... versi forse dedicati al tuo Maestro in amore

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0