accedi   |   crea nuovo account

Le compagne

Avremo per compagne fole arcane
come di chi non guarda più al domani,
e sentiremo nelle nostre mani
il senso raggelato di ore vane.

Rimarranno i riverberi e i sentori
delle ore vissute con l'inganno
di credere improbabile l'affanno,
ebbri di vita e di innocenti amori.

Dopo i fremiti ciechi e gli entusiasmi
tocchiamo, riflessivi, lo scontento
del giorno che si spegne con lamento,
e la notte presenta i suoi fantasmi.

O sole, quanto caldo era l'abbraccio
e l'empito dei giorni giovanili,
quanto dolci i profumi femminili
sul cui silenzio, mesto, ora mi affaccio.

Dammi un'occhiata, l'ultima, se credi,
sicché il ricordo infiammi ancora il cuore,
e senta stordimento per l'odore
dei sentimenti a cui chiedo i rimedi
che colmino ogni vuoto e ogni timore.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0