accedi   |   crea nuovo account

Forse d'oggi, forse di ieri

Ma quando poi t'accomodi
Che frottano i pensieri
Gl'astri son letto spinoso
Nell'indugio d'un insignificante sera

A sospirare su tentenni difesi da tempo.
Le cose muteranno o loro daranno mutamento.

Ci trasformeranno addosso allontanandosi
Fra le pieghe delle nostre macchie
Come diritto non scritto
S'impadroniranno dei verbi a estirpare parole
Da ogni ego riferimento che ci siamo
Cuciti dentro con saputa negligenza
La tua parte immorale lancerà
L'insidia negli specchi per ghermire
Abile inebriante riflesso

Nastri d'interrogativi abbandonati
A gemmare a se stessi
Panieri di forse di vari colori
E fibre d'atteggiamenti
a non lasciar orme ne dentro ne fuori
Ma a far voragini dentro
Gli sguardi d'un balletto in coppia
Uno fissato all'altra
Fino in fondo
Come spade d'incuneato acume
Uno ed ancora l'altro fino al vertice
Fino a far ritorno al niente
Ammucchiato tra mille cose
Sdraiato fra i pensieri
Forse d'oggi, forse di ieri

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0