accedi   |   crea nuovo account

La mia maschera

Finalmente un po' di tranquillità
Nessun rumore, nessuna luce
Posso chiudere gli occhi
E togliere la maschera che porto

Esce il mio vero stato d'animo
La felicità che sprigiono e condivido
Sparisce e fa posto alla malinconia
La solitudine m'assale

La solitudine entra nella vita
molto lentamente,
e molto lentamente ti distrugge,
arriva quando meno te l'aspetti,
ed è molto difficile scacciarla via

Ripenso al passato,
a quando pensavo che l'unico modo per uscirne
era farla finita,
ma poi mancava il coraggio di farlo
e rimettevo la maschera

Vedo il presente
e non trovo motivi per sorridere
sono solo e non vedo soluzioni
le cerco, qualcosa però le allontana
è un pensiero fisso
ma cancellarlo è difficile

Immagino il futuro
adesso non lo vedo che buio
niente riesce a rischiararlo
la luce di prima
si è spenta e difficilmente si riaccenderà

È però arrivata l'ora
d'iniziare una nuova giornata
guardando avanti
e sempre con il sorriso
che la mia maschera m'impone

 

0
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 01/09/2013 09:33
    Diego, la solitudine la vinciamo solo quando finalmente comprendiamo che <nessuno> ci può fare compagnia come <noi stessi> e ciò in cui veramente crediamo, ciò -soprattutto- che veramente amiamo. Vera

2 commenti:

  • Anonimo il 01/09/2013 14:06
    ... perfino quando amati non siamo...
  • Caterina Russotti il 01/09/2013 10:51
    La solitudine... Che ti prende e ti assale facendoti cadere in un oblio profondo. Momenti di sconforto che tutti passiamo... Ma a che serve indossare una maschera, se poi non guardo dentro il mio cuore, la mia mente per trovare una ragione di vita. Bellissima poesia... Triste ma profonda e bella.


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0