accedi   |   crea nuovo account

Il temporale

Piove fuliggine sulle pietre rupestri
solcate da una stremata rugiada,
pavido rossore si disarma nel chiarore.
Arde l'amata gloria,
si chiudon le porte,
innaspa il cantico dell'odio.
Piove sui merletti biancastri,
piove sui ceppi scorticati;
scorge un brivido
il sole inumidito,
affievolito lì se ne sta
muto pensando,
alla porta
perenne sconforto
lo sta aspettando.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giulia Aurora il 12/11/2013 01:35
    un rimar musicale profondo per descrivere la solitudine molto bella
  • Anonimo il 22/09/2013 11:45
    Un rimaneggiamento palese, ma non è bravura saper seguire l'esempio del maestro? Ci vuole intelligenza per appartarsi.
    Cavalca l'onda!
  • Federica Cavalera il 12/09/2013 11:29
    con pochi versi scritti egregiamente mediante la descrizione di un fenomeno naturale come il temporale si descrive il tuo stato d'animo spersonificato e fatto risiedere nel sole.
  • Anonimo il 10/09/2013 13:16
    bellissima! Le immagine da te scelte con cura sono come "splendidi" colpi allo stomaco, bravo!
  • Anonimo il 04/09/2013 08:10
    Fino a quando dura il temporale, temporale è...
    Meno male che arrivare può l'arcobaleno...
    Anche da Te.

15 commenti:

  • Anonimo il 22/09/2013 16:57
    Francesco. Chiarisci che sono capitata nella tua poesia perchè oggi mi hai chiesto l'amicizia. GRAZIE.
  • Francesco il 22/09/2013 16:26
    volentieri a presto
  • sılɐɹʇsnɐ snɐʞ il 22/09/2013 16:24
    ok francesco... le rileggerò con più attenzione e poi ti dico... -se vuoi- E TI SALUTO CON UNA STRETTA DI MANO, SE VUOI!
  • Francesco il 22/09/2013 16:16
    apparte questo componimento le altre poesie e frasi derivano da me stesso dal profondo del mio cuore
  • sılɐɹʇsnɐ snɐʞ il 22/09/2013 16:08
    Scusa Francesco, ma giacché mi hanno fatto eco, seguendo in forma maniacale ogni mio passo, autori che devono contraddire in toto qualsiasi cosa dica ci tengo a precisare che quella che ho espresso non è una critica ma la mia personale considerazione.
    Non ho scritto che hai copiato il testo o il significato ma ti ho fatto notare che sarebbe più costruttivo ispirarti a te stesso! dimenticare ciò che hai studiato e metterci il cuore perché altrimenti il tutto suonerebbe come un'imitazione di... quando invece tu sei unico e tale devi restare; senza influenze e correnti varie. tu e basta e vedrai che quello che scrivi sarà molto più caldo e sentito e sopratt unico nel genere!
  • Anonimo il 22/09/2013 15:42
    Ispirati ai grandi Poeti come d'Annunzio, caro Francesco. Chi ti vuole capire ed ammirare lo farà . Io amo d'Annunzio come ho scritto sul profilo e si capisce benissimo che dentro il suo stile non c'è il suo pensare. L'importante è l'essere curiosi di imparare e mettersi in gioco. Poi emergeranno i tuoi pensieri con uno stile tutto tuo!!... Ricorda che un buon critico non è pietoso ma ti spiega in maniera esaustiva e approfondita nei minimi dettagli, nel gesto di farti un rimprovero. Chi ti critica in due righe non lo fa con la disposizione giusta... Poi ti indicherò in privato, quando funzionerà la posta, il nome di qualche recensore che critica le opere con magistrale cognizione di causa. Buona serata.
  • Francesco il 22/09/2013 15:00
    non è una copiatura del maestro D'annunzio, ma una semplice composizione ispirata a lui. Il contenuto che voglio esprimere non coincide con quello espresso da D'annunzio.
  • Anonimo il 22/09/2013 12:09
    Per cominciare non c'è nulla di male nel seguire le tracce di un grande < letterato >. Se non altro si evitano testi insensati, pieni di errori e acerbi. Un caro saluto e tanti cari auguri per il tuo studio e per le tue passioni.
  • Anonimo il 22/09/2013 12:07
    Per cominciare non c'è nulla di male nel seguire le tracce di un grande letterao. Se non altro si evitano testi insensati, pieni di errori e acerbi. Un caro saluto e tanti cari auguri per il tuo studio e per le tue passioni.
  • sılɐɹʇsnɐ snɐʞ il 22/09/2013 11:28
    ... preferirei si scrivesse in modo meno appartenente in quanto questa tua, ma anche le altre, risultano molto dannunziane.
  • sara zucchetti il 16/09/2013 16:25
    Belle parole con la metafora della natura si possono esprimere molti sentimenti!
  • laura cuppone il 14/09/2013 05:57
    Fuori pioggia scura a ricoprire ruderi e sassi... dentro disagio claustrofobico e incomprensione... un sole piccolo e timido a riflettere il proprio pallore sulla porta, ultimo confine..
    Una condizione interiore comune a chi soffre di sensibilità...

    Non guarire... ma sublima...

    Laura
  • Francesco il 12/09/2013 12:42
    Grazie mille a tutti quelli che commentano comunque Federica hai colto il mio stato d'animo
  • Caterina Russotti il 04/09/2013 10:42
    Per fortuna... Dopo il temporale c'è la quiete e nell'aria un profumo di pulito... Bella poesia e profonda sulla solitudine... Bisognerebbe... Dopo il temporale... Aprire la finestra per ricominciare altrimenti la solitudine si trasforma in depressione.
  • loretta margherita citarei il 04/09/2013 10:07
    molto apprezzata complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0