PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Clani, fiume che parla

C'era una volta un fiume
scorreva per in giù e
tutt' a un tratto dissero
adesso vai in su.

-Ma perchè mai?-si chiese-
dovrei cambiare verso
al tempo degli Etruschi
andavo dritto e terso
a Roma, Caput Mundi,
senza fermarmi troppo
contento di finire
nel Tevere corrotto
che, di fanghi e di sabbia,
dal Fumaiolo al mare
portava i cari Etruschi
a scambiare il sale.

Rinchiuso in questa valle
e dentro ad un canale
non mi ritrovo proprio
dimentico del mare
finisco nella melma
dell'Arno capriccioso
e solo per un tratto
posso tornare iroso.
Leonardo e Fossombroni
decisero così però
non ho capito
perchè così finì
che per un po' di fango,
ranocchi e cannicci
mi ritrovai sommerso
da un cumulo d'impicci.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0