accedi   |   crea nuovo account

La soffitta dei ricordi

E ritrovo su in soffitta
quei miei scritti
da bambino,
pagine dai contorni ingialliti,
cornice dorata al tempo che fu.
Solenne è la vecchia credenza,
abitata da tarli voraci
e mesto quel cesto di vimini,
lavorato a mano,
ove mia madre soleva
custodire il pane quotidiano...
E vibra forte
il cuore mio
al tocco di colorate
biglie di vetro
che un tempo
muovevo veloci
tra le dita di ragazzo,
come grani
di un rosario smozzicato
nei salmi vespertini
di una chiesa di paese...
Così rivivo
quei miei sogni
di fanciullo,
e gli anni a venire
divenuti ostaggio
del tempo,
come il giorno
che soccombe
all'incipiente sera.
Risuonano, forte,
le corde del mio cuore
sfogliando quei dolori
come petali seccati.
Ma non saranno le lacrime
a farmi affogare
dentro il mare dell'oblio...

 

2
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 07/09/2013 21:17
    Sempre versi carchi di rimembranza che prendono il non distratto lettore... IL MIO PLAUSO
  • LIAN99 il 07/09/2013 18:02
    Dolcissima ed intensa questa lirica che descrive efficacemente i sentimenti e le emozioni che ci pervadono quando ricordiamo i bei tempi andati e gli affetti che non ci sono più. Ulteriore conferma dell'Autore come Poeta romantico e tenero degli affetti più intimi.
  • Anonimo il 07/09/2013 17:57
    Una lirica di grande spessore, che descrive il tempo che scorre inesorabile. COmplimenti.

1 commenti:

  • Anonimo il 07/09/2013 20:15
    bello ripercorrere, attraverso scritti trovati in una soffitta, tempi lontani ma belli la fanciullezza la gioventù... salva sono tornata indietro anch'io... bella il mio elogio...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0