PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Blues

U' sole
spacc' pur u' cel

ti sint' d'assè pacce
com'a 'na seng' n'facce

ca tenim' tutt' quante
com u' piccinne ca spante
ci pigghije e' stute a' luce
e s'asconne da l'aure e fac' voce.

Sapore d'acqua salate
come a nu' mare
che è semb' assaje inguacchiate
da azzurre ha diventate gnure
assmegghije a 'na vije oscure
di ciende e cchiu' paure

ca n' portame 'nguedde
sia uagnune ca uagnedde
ca no sap'n cangià
però vol'n sta a' qua

fino a quann' l'riesce
fac' niend'
c' nisciune le capisce.

 

2
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Chira il 10/09/2013 20:12
    Il titolo a sottolineare quanta musicalità è insita nei versi in forma dialettale... la musica delle proprie radici che nonostante i difficili momenti tengono legati alla propria terra d'origine. Buona serata Antonio e grazie di tutto!
  • Anonimo il 10/09/2013 06:44
    Molto bella... dopo aver letto la traduzione viene ancora la voglia di ritornare sull'originale... come per le poesie in altro idioma la traduzione non da appieno la bellezza dei versi. Un saluto.
  • Anonimo il 09/09/2013 15:34
    Ho letto più volte la tua poesia per capirci meglio... poi ho letto la traduzione. È molto bella e profonda e debbo dire che scritta in dialetto lo è ancor di più!
    Bravo Antò!
  • Anonimo il 09/09/2013 13:10
    vero c'é musicalità... il sole ci dona energia... ma in questa lirica forse si parla della trasformazione della natura... trasformazione che siamo stati noi a volere... un abbraccio anto
  • Antonio Garganese il 08/09/2013 19:17
    Ve la traduco, forse è difficile:
    "Il sole spacca anche il cielo, ti senti d'impazzire come un segno sulla faccia che abbiamo tutti come un bambino che si spaventa se d'improvviso si spegne la luce, si nasconde dal "mostro" e richiama a gran voce. Sapore d'acqua salata come un mare che sembra assai inzaccherato, da azzurro è diventato nero, somiglia ad una strada oscura di cento e più paure che ci portiamo addosso sia ragazzi che ragazze che non sanno cambiare ma vogliono rimanere qui fin quando gli riesce. Non fa niente, se nessuno li capisce.
  • loretta margherita citarei il 08/09/2013 17:46
    molto musicale complimenti poeta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0