PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Lo Smargiasso

Ho deciso,
voglio fare lo Smargiasso,
mangià, bere e andare a spasso,
e mò ca stò in pensione,
o pozzo fa.

Pe quarant'anni
m'hanno rutt'o cazz
"il lavoro nobilita l'uomo"
ma io, nobile,
nun songh mai addeventato,
anzi,
mi ritrovo
più popolano di prima;
e pure senza Euro.

Chell'u poco e pensione maturata,
se l'hanno futtuta,
a poco a poco,
i governi che si sono avvicendati,
con le varie riforme.

M'aggià scetà a matina
senza sveglia;
chillu suono rompi palle
ca nun smette
finchè nun te vede dritto.

Chianu chianu
faccio colazione,
le mie cose,
e pò,
lavato, sbarbato e profumato
me ne vaco passianno pà città.

Nun maggio fa mancà niente!

Semmai dovesse mancare qualcosa,
ho ancora risorse efficienti;
cioè, arrizzo ancora,
e se nà femmena m'avessa tuzziulà,
lle surrido, e le dico:
prego, accomodatevi,
datemi la mano;
jamme a casa mia
a c'arricreà.

 

0
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 09/09/2013 13:29
    bella la scelta dialettale... molto divertente e "reale"!

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0