PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il matto e le crocule 2

Acre l'odore di fumo e muffa
in quella casa di silenzi e sospiri,
mi giunge nauseante
impedendo respiro ai polmoni.
Lo sento ancora,
poi ancora,
il passo pesante
come volesse calpestare il mondo,
si muove al ritmo della follia,
a volte piano... carapace indifeso
a volte lesto, come volpe spaventata.
Lo sento munirsi d'armi
per conquistare la pace,
dove arma la mano
pace non ci sarà...
Folle, uomo indifeso
bambino senza età.
Mi dolgo del suo stato
del suo vivere a metà,
in un silenzio di tomba
quando brilla il sole
nell'estate che muore,
in un grido violento
tra musica e suoni,
del suo vivere quotidiano...
la notte un saliscendi
di funi tra sogno e realtà.
Lui ignorato, messo al bando, si ribella,
vive di stenti, di bui sentimenti
in un covo di crocule
cercando i perché.
La vecchia, anziana crocula
s'appoggia al bastone
lo stesso che a lungo ha colpito,
medita osservando il maltolto... il raccolto
di un campo mai arato.

 

3
6 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • roberto caterina il 09/10/2013 09:07
    Mi piace molto la tua poesia che scorre quasi come un racconto e si mischia alla voce delle cose.
  • Don Pompeo Mongiello il 14/09/2013 17:50
    Una ghirlanda di margherite, vergini e pure la dono a te per questa tua eccelsa!

6 commenti:

  • Dolce Sorriso il 09/10/2013 12:54
    grazie Roberto del tuo passaggio.
  • Dolce Sorriso il 15/09/2013 14:12
    Grazie a tutti... Giacomo un saluto particolare a te... grazie.
  • Anonimo il 15/09/2013 13:07
    Poesia di grande spessore umano su un tema purtroppo comune a molti... anche per questo degni di nota questi versi dotati di grande impatto emotivo e forza espressiva. Un saluto.
  • Ugo Mastrogiovanni il 14/09/2013 18:02
    Versi di grande spessore umano; un quadro movimentato di miserie dimenticate, di vita tradita dal mondo e dalla sorte. Bellissima.
  • Dolce Sorriso il 11/09/2013 22:14
    Ciao Paola... grazie... che dire, pochi ma buoni... grazie Paola!
  • Anonimo il 11/09/2013 21:58
    Mi meraviglio che non hai commenti.
    Molto bella e sentita la tua poesia...

    Ciao, Dolce Sorriso.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0