accedi   |   crea nuovo account

Il mio grappino

Il mio grappino non tradisce mai.
Grappa bianca, forte, decisa, calda.
La verso in un bicchierino di cristallo,
di quelli sfaccettati,
mai uguali l'un l'altro.
Lo tengo tra le mani,
roteandolo tra le dita.
La luce dell'abatjour lo attraversa,
proiettando piccole iridi sulle pareti.
Lo sto cullando quasi volessi proteggerlo.
Ne sento l'aroma di vinaccia.
Con una sorta di devozione,
a piccoli sorsi, inizio a gustarne il sapore,
tra lingua e palato.
Il cuore si scalda,
mentre i pensieri s'acquietano.
Fine del giorno,
lentamente il rito si consuma.
Ora scende la notte,
tempo d'amore,
tempo di sogni...

 

2
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 15/09/2013 14:53
    Immagine di un prodotto, gradito dall'autore, che lo ha elogiato poeticamente coi suoi pensieri e personali considerazioni sino a farlo divenire protagonista di questa bella pubblicazione, descritta come un quadro di quotidianità. Sinceri complimenti.
  • Rocco Michele LETTINI il 13/09/2013 06:15
    Stupenda la triade di chiusa per un grappino anti-depressivo...
    IL MIO ELOGIO ALDO

3 commenti:

  • stella luce il 16/09/2013 15:25
    che bella descrizione tra il sogno ed il piacere... e dopo arriva la sera coi sogni e con l'amore...
  • loretta margherita citarei il 13/09/2013 04:29
    cin cin allora... piaciuta
  • Caterina Russotti il 13/09/2013 00:24
    Una bella poesia per decantare un prodotto quasi esclusivamente italiano... I miei complimenti..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0