accedi   |   crea nuovo account

Dicotomia ambliope

Lo scricchiolio delle idee
L'odore degli sguardi
Il tatto che si ferma dove comincia quella musica
Eseguita dall'investitore più capace

Vittima e cacciatore di frodo
Contemplano le ultime nuvole
Dandogli nomi nostalgici e contrapposti
Alchimie di chimici indifferenti

L'incanto del raggiungersi
È frivolezza obesa
Per chi ha appeso i desideri
A ganci da macellaio

La frizione concettuale stride
Se avallata da un discorso di pulpito
Con le dita incastrate nel petto
Non si indica un dolore

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • laura cuppone il 25/09/2013 07:35
    Incomunicabilità e' ora come ora il dolore procurato o subìto più ricorrente...
    Ma allo stesso tempo
    la strada per un patibolo consapevole, quello a scapito dell'Unione per il raggiungimento della Individualità...
    Mai stati così soli come in questa era in cui possiamo parlarci in ogni momento e luogo..
    l'interesse ad uccidere e' ben più importante di quello del vivere...
    (Parlo soprattutto di idee...)

    Grazie a tutti

    Laura
  • terry Deleo il 20/09/2013 21:59
    Sei sempre la solita fatina... e usi la bacchetta magica!
    terry
  • Alex il 13/09/2013 20:06
    laura:
    La riflessione su una sofferenza causata da un occhio pigro che non ha saputo evitare l'evitabile. Poesia magistrale scritta da una mente ricca e colta. Sono senza parole. Brava Brava Brava.
    Alessandro.
  • Caterina Russotti il 13/09/2013 17:51
    Triste poesia di sogni, desideri infranti... Ben forgiate in mirabili versi. Complimenti
  • Anonimo il 13/09/2013 17:00
    da leggere attentamente possono sembrare parole capricciose, concatenate per musicalità o per gioco quanto son ben assestate, sembra un pentimento!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0