PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A bordo di un sorriso

Vorrei come destriero
la forza del sorriso
per avere in groppa
lo schiavo e l'indeciso,
per comprovare a tutti
che l'allegria in poppa
dà i suoi buoni frutti.
Se imbandisci il desco
per poi restar digiuno,
se sembrerai grottesco
perché non sei nessuno,
se non avrai strappato
un petalo ad un fiore,
se mai ti sei beffato
di un essere che muore:
allor tu sei l'eletto,
il messo del sorriso,
sei tu senza difetto
col sol cucito in viso.
Tu placherai un fremito,
consolerai l'afflitto,
asciugherai un gemito,
giammai sarai sconfitto.
Consolerai il grido
della disperazione,
distruggerai il nido
della tribolazione.
Avrai poteri immensi,
saprai che il tuo sorriso
avrà grandi consensi
persino in Paradiso.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

6 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 22/09/2013 00:13
    Il ciel aiuta chi sorride. Questa poesia dà insito questo consiglio. Ma per far questo nel quotidiano bisogna essere in pace con se stessi e con gli altri. Non sempre è realizzabile. Anzi è per pochi.
    Poesia scritta come sempre con grande maestria. Piaciuta.
  • Don Pompeo Mongiello il 21/09/2013 12:47
    Una corona de lauro per questa tua eccelsa davvero!
  • Anonimo il 15/09/2013 12:55
    Sono versi bellissimi che trasmettono grandi emozioni... Complimenti Ugo è bellissima...
  • Caterina Russotti il 15/09/2013 12:17
    Ops! Scusate... Veramente voleva essere una recensione
    Fantastica! Sei un maestro di versi.. Adoro come metti in rima i tuoi desideri.. I tuoi sentimenti. Con occhi sapienti e vissuti che sanno cogliere il bello in ogni cosa che vede.
  • Anonimo il 15/09/2013 12:03
    Un bellissimo inno al sorriso, la primavera di tutte le stagioni della vita, per sé stessi e per gli altri. Grazie!
  • roberto caterina il 15/09/2013 11:22
    È una poesia molto gradevole che sa usare sapientemente la rima alternata in cerca forse di chi è indeciso, quasi un sorriso leonardesco...

10 commenti:

  • Nicola Saracino il 22/10/2013 13:27
    Aah... "avrai grandio consensi, MA SOLO in paradiso"! (secondo me). Non mi piace molto "il nido della tribolazione", perché se le togli il nido, la tribolazione si installa in casa d'altri. No Ugo, questa giaculatoria al sorriso santo devi averla scritta in un momento di distrazione. Nicola
  • salvo ragonesi il 07/10/2013 18:38
    consolerai il grido della disperazione. è vero, un sorriso non costa niente e rende felici anche i sofferenti. Sempre bravo il caro Ugo. saluti. salvo
  • augusto villa il 24/09/2013 15:55
    Grande Ugo!!!... bella, per il contenuto, per le rime...
    Insomma va via liscia... lasciando una bella scia...
    Bravooooo!!! ---------------
  • Anonimo il 15/09/2013 14:59
    Stupenda lirica colma di significati intensi e profondi. Interamente molto apprezzata!
  • Anonimo il 15/09/2013 13:35
    Caro amico meravigliosa la chiusa stupenda... magari si mettesse in atto ciò che sapientemente e con la solita bravura ci regali in righe di poesia... con affetto e stima carla
  • Anonimo il 15/09/2013 12:20
    Versi settenari perfetti, con rime calzanti, la ricerca delle quali non ha minimamente influito sul pregnante significato della poesia. Un bel lavoro. Un saluto
  • Caterina Russotti il 15/09/2013 12:15
    Fantastica! Sei un maestro di versi.. Adoro come metti in rima i tuoi desideri.. I tuoi sentimenti. Con occhi sapienti e vissuti che sanno cogliere il bello in ogni cosa che vede.
  • Rocco Michele LETTINI il 15/09/2013 11:12
    UNO SGORGO D'ANIMO... IL MIO ELOGIO UGO. BUONA DOMENICA.
  • Dolce Sorriso il 15/09/2013 10:38
    Già ... il sorriso, conosco bene il suo significato anche se spesso è difficile mantenerlo vivo... sei davvero bravo Ugo, sai colmare la mente e il cuore di chi ti legge... grazie.
  • Chira il 15/09/2013 10:23
    Magistralmente si canta non il ridere "stultorum" ma il sorriso che come "sol cucito in viso" porta luce a chi ne ha bisogno: nulla costa ma è umanamente un immenso dono. Un grazie e un abbraccio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0