accedi   |   crea nuovo account

Sto penzanno a nu sciore

Sto penzann' a nu sciore, si ma e mille culore
Sto penzann' a na vita, si ma senza dulore

Sto guardanno stu tiemp, comme passano l'ore.

Si dimane me sceto, accumencio a tremmà.
Si dimane te veco, accumencio a cantà

Si dimane te vas... putess murì!
Cu tanta priezza ij a ascess impazzì,

Nun me voglio addurmì , nun me voglio scetà
Dint'o lietto accussì , accussì voglio stà

Guardann 'o suffitto comme fosse stellato,
piglio 'o cuscino e mo tengo astrigniut
penzann' a chi l'uocchie ca m'hann guardato
penzann' a sti mane ca t'hanno tuccato

penzann' a chella vocca e fravola
a chiù doce e tutta Napule.

Cammenanne mane e mane miez a strada,
te guardo in faccia, sto durmenn' o sto scetato...?
chiù bell'e te... nisciuna femmena è mai stata.

 

1
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0