username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Noi passeggiavamo con una birra in mano

Se ti dicessi che l'ho vista
a due passi da me,
come fosse ieri,
cambieresti versione,
ridendo del mistero buffo
quel che ti stavo per rivelare.
Non c'è vertigine che tenga,
eppure voleranno parole grosse
dalle parti in cui prima
c'era solo vento, lapidi e silenzio.
Una voce tiepida,
nell'aria intontita della sera.
Ho fatto solo un brutto sogno,
chiudi la finestra, è tutto a posto,
non ti preoccupare, dormi.

Ma non può finire, se penso
che aveva l'allegria di una vergine,
con una mano tra il vetro
e la meraviglia che brillava dentro.
Faceva freddo, noi passeggiavamo
con una birra in mano.
Non ci vide nemmeno,
gli occhi persi
in quel piccolo mondo
di fasci di luce e colori
che a noi non dicevano niente.
A bocca aperta, s'illuminava
come fosse già finito l'inverno,
e invece era solo a due passi
dal suo ultimo natale.
Non sospettava neanche
che un male nero
potesse mai divorarla,
così, dalla notte al mattino,
mentre lei sognava fiori
vicino all'altare e nuvole rosa.
Eppure c'era.
Il futuro rimbalzava
tra i suoi occhi e una panchina,
e più rideva e più s'allargava
l'illusione di poter vivere per sempre.

Tu non mi credi
se ti dico che rimasi a lungo
seduto su una pietra,
mentre il corteo si muoveva
col passo lento di una donna
che ha perso la strada di casa.
E che sprecai ore a guardare un cane
mettersi a girare in tondo,
invece di mettermi le scarpe
e incamminarmi verso la chiesa.
Le campane suonarono a morto
ma io non ne ebbi sentore.
Solo il canto di una cicala
e il miagolio di un gatto
che mi chiedeva qualcosa da mangiare.
Lei distesa in attesa di una benedizione,
e io a piedi scalzi,
con il fare distratto
di chi non sa riconoscersi più
nemmeno in un fiore che muore.

 

2
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Caterina Russotti il 17/09/2013 14:05
    Davvero, davvero bella nella sua profonda tristezza.. Complimenti
  • Dolce Sorriso il 16/09/2013 20:47
    troppo bella Salvatore... una chiusa da brivido
    bravo.
  • anna rita pincopallo il 16/09/2013 19:26
    molto molto bella anche se profondamente triste bravissimo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0