accedi   |   crea nuovo account

Natività

A sto monno,
li occhi aprii,
fra le nubi
e lo mare,
a 914 metri
in su me
trovai,
e Nusco
lo paesin
se nominava,
ed io Pinuccio
me trovai.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Giulia Aurora il 18/09/2013 02:44
    Molto carina una dedica al paese amato
  • Caterina Russotti il 17/09/2013 22:14
    A me piace! Bravo... Nusco... Paese che ami e al quale hai già dedicato una poesia... Non è in questi giorni che si festeggia uno dei vostri patroni? O mi ricordo male?
  • Don Pompeo Mongiello il 17/09/2013 19:09
    Se la stessa, da un nome come - Totò, firmata fusse, celebrità sarebbe. Ma da lo momento che l'ha scritta un don, seppur principe non da meno, ne la spazzatura volentieri la menate e con gran diletto.
  • Don Pompeo Mongiello il 17/09/2013 18:57
    L'innocente eterno fanciullo, che alcuni o alcune di voi, male lingue infangate, degni de lo mio Esser puro non meritate, e me riferisco a li du gatti neri e a lo capo, che se sente di eseer degno, de sto atto impuro.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0