PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il nostro pranzo

Mangiamo piano
con gli occhi sorridenti
scambiandoci raggi d'Amore.
Mastichiamo in silenzio,
mentre le nostre forchette,
incrociandosi,
iniziano un giocoso viavai
tra il cibo e le nostre labbra.
Complici,
rubiamo dai nostri piatti
brandelli di vita
e ce li scambiamo.
Gustandoli senza fretta,
per coglierne l'essenza.
Il nostro tavolo diventa un'isola,
ricoperto da sabbia bianca
di cotone ricamato.
Terra promessa in mezzo
ad un mare urlante,
fatto di gente rumorosa e anonima.
Non siamo naufraghi,
ma due stanchi viaggiatori.
Finalmente giunti
all'agognata meta...

 

3
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • patrizia chini il 18/09/2013 13:37
    bellissima sia la chiusa che parla di una vita lunga vissuta nell'amore sia i versi precedenti che dipingono un momento attuale, il tempo del riposo in quest'isola paradisiaca che non è altro che il quotidiano innalzato a "straordinario" dai piccoli-grandi gesti dell'affetto... par di sentire tintinnare le forchette che si incrociano e si vede lo sguardo perduto e innamorato dell'uno negli occhi dell'altro.

4 commenti:

  • Nicola Lo Conte il 19/09/2013 11:18
    Bel gioco di parole di metafore... molto piaciuta.
  • loretta margherita citarei il 18/09/2013 18:23
    bello questo quadro famigliare, bravo
  • Francesca La Torre il 18/09/2013 17:41
    sembra di essere sulla scena, tanto e' sentita veramente ed e' dominata da amore e desiderio. complimenti, piaciuta molto.
  • Caterina Russotti il 18/09/2013 14:00
    Spero un giorno di poter imbandire e vivere una tavola bella come quella espressa in questa tua poesia. Complimenti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0