accedi   |   crea nuovo account

DELITTI 1

Tre o quattro boccate
E rifletto:
Mai stata una contabile,
Mai avuto ingegno
Né freddezza
Né indifferenza
Nell’uccidere…

Deviazione di linfa vitale
Percorso nuovo e difficile,
Sanguinoso e blasfemo..

Non ricordavo la testardaggine
Di questo marrone,
Di questa moquette…

Ci si perde respirando migliaia
Di ore
Cemento e neon,
Ignorando profumi di brezza salata
O carezza di foglia..

Stomaco vuoto e annodato da pure e rabbiose spirali
Preferisco
A mani scarlatte ancora febbrili,
Che stringono la lama calda e l’attonito trofeo
Per i capelli appeso…

Liquidi, freddi, insensibili occhi,
Accondiscendenti e interessati al delitto,
Guardano polsini e lancette d’oro
Preoccupati che il lavoro sia concluso
E che resti tale
L’immacolato
Marrone…

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • loretta margherita citarei il 17/12/2011 20:34
    veramente notevole complimenti laura
  • laura cuppone il 10/01/2008 16:32
    ciao augusto..
    si, la sto pagando cara davvero... ma forse rifarei tutto..
    solo che non possiamo essere tutti uguali... e da un lato è meglio così... in vent'anni ho potuto constatare diverse realtà lavorative.. io che sono me stessa sempre non posso accettare certe cose che non fanno parte di me..
    non sopporto la sopraffazione.. nè il ricatto... nè il delitto... anche se poi ci avrei guadagnato.. a sarei stata complice.. e quindi ugualmente colpevole.. grazie.Laura
  • augusto villa il 10/01/2008 12:30
    Certo che poi le scelte, soprattutto certe scelte, si pagano... Per questo ti stimo... Se fossimo tutti così... in una società che fa di tutto pur di appiattire le nostre individualità...
    Brava Laura... anch'io sto pagando scelte fatte tempo fa... e le sto pagando care!!!
    ... ma pazienza, vivo lo stesso... Ciao!!!... 100000 punti!!!
  • laura cuppone il 25/10/2007 00:10
    È vero Angelica... ma a volte non si possono cambiare le cose scappando...
    le cose sono precipitate e io dovevo "uccidere" per vivere..
    questo proprio non può chiedermelo nessuno..
    nemmeno io posso farlo con me!!
    l'arcobaleno a volte serve.. proprio nell'oscurità..
    ma io non ce l'ho fatta a tenerlo in "vita"...
    mai compromessi...
    mai!!!
    sarò fatta male.. ma sono così
    !!
    ciao sorella.
    grazie
    L
  • Anonimo il 24/10/2007 23:51
    Leggendo la tua poesia, e faccendo riferimento per chi l'hai scritta, mi chiedo, ma come hai fatto a non morire soffoccata lì dentro?
    Oppure, ti sei accorta subito della mancanza di ossigeno e sei scappata prima che la feccia potesse solo sfiorarti.
    Mondo che non ti appartiene, mondo infido e devastatore di anime arcobaleno, meglio uscire fuori a respirare aria meno inquinata.
    Bravissima, coraggiosa come sempre.
    Angelica
  • laura cuppone il 24/10/2007 23:41
    Grazie Sara di essere passata.
    ciao
    L
  • laura cuppone il 24/10/2007 23:39
    Grazie Caterina..
    ma nelle espressioni che colpiscono si nascondono a volte sentimenti interiori.. scaturiti da una brutta esperienza, a volte, come questa...
    ciao L
  • sara rota il 17/09/2007 07:56
    Non è tra le mie preferite, comunque graziosa.
  • laura cuppone il 05/09/2007 00:17
    grazie per i commenti.. sono contenta di destare qualche riflessione..
    ciao L
  • Arturo Vado il 04/09/2007 23:04
    anche se tante volte si commentano i versi altrui
    son del parere che ci son poemi che per alcuni son niente e per altri forti emozioni. Eccone una che ha suscitato in me qualcosa di forte. Grande. Non me ne vogliano tutti.
  • laura cuppone il 03/09/2007 18:32
    rina il tuo commento mi lusinga...
    sei una Valchiria e un fiore ai bordi di un fiume..
    hanno cercato di cambiarmi e di farmi "uccidere" PER VIVERE..
    non ci sto..
    preferisco entrare dal buco della serratura che sfondare porte che uccidono la volontà... la naturale evoluzione delle cose..
    l'ambizione è cosa sana..
    la prevaricazione, no!!
    il mio sangue diventerebbe veleno e la prima vittima sarei io stessa...
    debole? troppo umile? incapace?
    che pensino ciò che vogliono
    pulita! è la parola che voglio sentire di me e in me!
    ciao L
  • Riccardo Brumana il 02/09/2007 23:32
    carina.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0