PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Vivere a ridosso dei problemi

Le parole si appogiano sui fogli e corrono alte senza vita
Le nuvole si riconoscono e lasciano che si parli di loro anche male
Chi osa disturbare i miei pensieri non abita così lontano
Abbiamo costruito strade non per andare lontano ma solo perché ci cresceva tanto catrame
quamdo si scava e si porta alla luce tanto materiale poi qualcosa bisogna farne
Giriamo e giriamo per giustificare l'acquisto delle scarpe anche se chi sembra più saggio perché se ne va scalzo ha concentrato tutti i suoi problemi altrove.

 

1
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 22/09/2013 21:15
    Sei affermazioni vere, considerazioni filosofiche, realtà filtrata da riflessioni di uomo che vive e lavora. Non la definierei una poesia, ma una sorta di frase riflessione, per ogni affermazione ci sarebbe da parlarne... Piaciuta per il senso della riflessione, e per il modo in cui affermi le cose.
  • Anonimo il 22/09/2013 16:07
    Le parole spesso non hanno vita o rinascono da quelle consunte dalla prolissità. Le nuvole non si curano della terra intente ad andare altrove come quegli scalzi che sanno di dover risolvere i problemi in altri luoghi di dolore. Le tue parole si prestano ad essere lette con la partecipazione emotiva di chi crede in queste verità.
    Ciao.

2 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 22/09/2013 15:45
    abbiamo scavato catrame.. ora i problemi ci rincorrono correndo su autostrade...

    solo quell'uomo scalzo laggiù... che non se mai occupato di avere...è...
  • loretta margherita citarei il 22/09/2013 14:39
    apprezzata complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0