PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Non so

non so quale personale egoismo
mi leghi al tuo ricordo

se
dopo tanto tempo
pensandoti

ancora avverto lo stesso dolore
dell'albero quando in autunno
perde le foglie.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

11 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 24/09/2013 20:14
    Comprendo benissimo il tuo senire Lor... non è egoismo, forse l'hai amato tanto...

    Mitica Lor amica mia!
  • Francesco Andrea Maiello il 24/09/2013 04:53
    Molto bella... dopo il calore dell'amore estivo, l'autunno pian piano te lo denuda come un albero che perde le sue foglie!
  • giuliano cimino il 24/09/2013 00:20
    neanch'io... ti ringrazio per queste rime che io, sto vivendo nel presente.. in questo inizio d'autunno... una perla questa Tua
  • cristiano comelli il 23/09/2013 17:27
    Diciamo questo, cara Loretta che saluto intanto con affetto e simpatia, l'amore ha la proprietà di svergognare il tempo, nel bene e nel male. E in questo sta comunque la sua magia. Complimenti e ciao.
  • Anonimo il 23/09/2013 15:15
    ha un nome questa sindrome, ma ha un nome anche il tuo poetare... stupendo!... complimenti Lor, emozionante
  • Anonimo il 23/09/2013 14:29
    È molto bella... la malinconia che mena nell'anima... brava!!!
  • Anonimo il 23/09/2013 14:11
    Cara Lor, non lo so neanch'io! La fregatura è che l'albero perde le foglie e le rimette, puntualmente... noi mi sa che, alla fine, ci rimettiamo e basta.
    Bravissima Lort!
  • Rocco Michele LETTINI il 23/09/2013 12:40
    NE LA RIMEMBRANZA SI RIACUTIZZA IL MALANNO D'UN AMORE NON ETERNO E CI SENTE SPOGLIATI DE L'AFFETTO COME UN ALBERO CHE PERDE LE FOGLIE... TUTTA LA MIA COMPRENSIONE E LA MIA STIMA LORY...
  • Anonimo il 23/09/2013 12:21
    Dovremmo -tutti!- imparare a ricordare in modo positivo...
    Ciò che <merita> di essere ricordato... Che ci fa bene ricordare... Che <nutra>, anziché avvelenare il nostro presente... Ed avere, invece, la forza di lasciar scivolare via definitivamente tutto ciò che ci fa solo male. Magari dopo avergli detto, potendo, ciò che merita. Non con rancore, ma con quel bellissimo sentimento che è l'autenticità di tutto il nostro essere... sdegno compreso, quando occorra.
    Il tuo dolore, Loretta, tutti lo condividiamo, qui, da tanto tempo... Ne sentiamo la profondità... Io non so che darei per incontrare chi te lo ha procurato e... dirgliene quattro alla mia maniera. Noi ti vogliamo tutti <bene>. Vera
  • LIAN99 il 23/09/2013 10:59
    Ma quanto è bella e vera questa sofferta poesia che scava nei piú profondi moti dell'Anima!... A volte, non si tratta di egoismo, ma di autopunizione... A volte, è semplicemente Amore... Bravissima.
  • roberto caterina il 23/09/2013 10:02
    Bella, ma chissà poi se in autunno l'albero provi dolore... direi piuttosto pensa finalmente in silenzio...

6 commenti:

  • Nicola Lo Conte il 30/09/2013 22:00
    Bellissima, benché tristissima, immagine della perdita!
  • augusto villa il 28/09/2013 14:05
    ah... scusa per apostrofi e accenti ma sta tastiera e quel che e... Prima o poi... la cambiero
  • augusto villa il 28/09/2013 14:03
    Non soffrire, l-autunno e passato... ora vivi l-inverno... Ne son sicuro... Avrai la tua primavera, Loretta...
    Bella, ben scritta.
  • Caterina Russotti il 23/09/2013 12:20
    Si può provare dolore solo se si è presi la consapevolezza di quel che si è perduto... Bel pensiero... Espresso in altrettanta bella poesia
  • Eugenia Toschi il 23/09/2013 11:46
    Forse per l'albero non è un dolore, ma la consapevolezza di "lasciare andare" ... non sempre facile per l'essere umano.
  • Elisabetta Fabrini il 23/09/2013 11:37
    Non credo sia egoismo... ma malinconia e nostalgia...
    Brava Lor!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0