PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Non se ne può più

Come cerco di scavare il terreno con la pala
così leggo libri scritti con cognizione di causa
per capir com' è che l'Italia è arrivata così,

troppe cose taciute e deformate,
che il mosaico,
tassello dopo tassello,
mi è chiaro...

Viviamo una dittatura mascherata,

di migliaia di persone, eleganti
e potenti, alcuni anche pataccari,
in giacca blù.

Certo, di tutta l'erba
non ne posso fare un fascio,

ma capisco e mi inorridisce questo scatafascio.

Alieni, politici, mafiosi e trafficanti di armi
una cricca che in parte in Petrolio, Pasolini,
prima di ucciderlo, la denunciava.

Poi ancora solite facce di gomma a piangere la crisi,
e intascare le ultime briciole di pane
riservato a loro nelle banche italiane.

Accidenti che commissioni? Non è un estratto conto
è per tentar di risanare una voragine insanabile.

123

2
4 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giulia Aurora il 24/09/2013 18:17
    Grande sarcamo ma anche veritá fra queste righe un inno alla ribellioni di accettare l'inaccettabile
  • cristiano comelli il 23/09/2013 17:33
    Le invettive sull'Italietta mi stanno bene e le condivido purchè tutti ci facciamo un bell'esame di coscienza collettivo perchè, a mio modesto avviso, scaricare la responsabilità del degrado morale e civile del nostro paese (alla faccia del primato morale e civile degli Italiani scritto da Vincenzo Gioberti) solo su chi ci governa mi pare riduttivo e ingiusto, pur se una parte di tale degrado va imputata proprio a lor... non signori. Cordialità.
  • Rocco Michele LETTINI il 23/09/2013 17:25
    L'hai gridato con eloquenza ed ironia... IL MIO PLAUSO

4 commenti:

  • LIAN99 il 23/09/2013 22:39
    D'accordissimo con Te, Raffaele, non se ne puó proprio piú. Hai messo perfettamente a fuoco tutte le criticità di quest'epoca ed in particolare di questo nostro Paese cosí martoriati ed in crisi. Speriamo che prima o poi la presa di coscienza della gente onesta riesca a farsi valere.
  • Caterina Russotti il 23/09/2013 21:24
    Una giusta osservazione obiettiva direi.
  • Raffaele Arena il 23/09/2013 21:11
    Chi ci governa semplicemente govenra se stesso e pochi intimi da sempre. E a chi gli si oppone lo fanno fuori. Escluso pochi, che sono stati uccisi per questo. La mia non è un'invettiva, caro Cristiano, è un'osservazione obbiettiva e truce.
  • loretta margherita citarei il 23/09/2013 17:17
    ironica , siamo allo sfacelo ma la gente par nn accorgersi

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0