username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Cogito ergo sum

Mi sorge un dubbio...

Sono Io che sono entrata in crisi
o è Lui che mi ha messo in crisi?

Sono Io che non ho preso coscienza di me,
o è Lui che non ha preso coscienza di sé?

Su dai, non siamo ridicoli...

Fermiamoci un attimo
a riflettere sul nostro comportamento.

Proviamo a prendere coscienza
dei nostri difetti, dei nostri limiti.

Autocritica sì ...
ci vuole autocritica!

Dicono...
che sia segno di grande apertura mentale.

È come scrivere il libro della propria vita
e correggerne poi, le bozze.

È possibile che Io sia
in piena "guerra mondiale"'
da non riconoscere le opinioni altrui?

A questo punto, mi sorge un dubbio...

Possiamo Noi arrivare a verità assolute?

E se conosco di quella vita,
il percorso fatto, le analisi
e i cambiamenti interiori
che ne sono scaturiti...

Devo per forza mettermi in discussione
sempre e comunque?

So solo, di possedere una certezza...

In me, non vi è né invidia,
né loschi fini...

Così mi sento dentro
e così guardo gli altri!

 

1
7 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 27/09/2013 15:48
    Un autoanalisi e contemporaneamente analisi di chi ti è accanto, ma avendo la coscienza a posto si esce alla fine senza dubbi alcuni.
  • Anonimo il 26/09/2013 20:33
    Servirsi del dubbio come metodo per arrivare a conoscere e a conoscersi, fino in fondo, e acquisire coscienza di quel che si è. Un metodo sperimentato, che funziona.
    Molto bella nella sua analisi descrittiva del dubbio!
  • Auro Lezzi il 25/09/2013 22:26
    Ma quanto si bellella... Non c'è che dì..
  • Rocco Michele LETTINI il 25/09/2013 19:29
    È come scrivere il libro della propria vita
    e correggerne poi, le bozze.

    HO ESTRATTO COTANTA RIFLESSIONE PER PLAUDIRE QUESTO TUO LODEVOLE DECACANTO...

7 commenti:

  • Mario Bruno (Ciancia) il 26/09/2013 17:41
    Una poesia che apparentemente sembra banale ma che ha un grande significato e fa riflettere.
    Bravissima!
  • Anonimo il 25/09/2013 21:13
    Cara Caterina, certo, se la mente nostra non funziona, non considerando altro che il nostro corpo, è come se non esistessimo più... Ma ciò non significa certo che la mente è tutto: se non è ben guidata dalla coscienza, ce ne fa fare di errori! E poi a guidarci non è solo lei: a volte i sentimenti vedono molto più lontano. Tu, ad esempio, ci appari sempre così limpida e diretta nelle tue osservazioni, da farti sentire davvero sempre guidata dall'anima... Una "bella anima", come giustamente ha detto Loretta.
  • AlfaCentauri il 25/09/2013 20:37
    mi piace molto... sopratt la parte finale!
  • enrica. c il 25/09/2013 19:39
    Che bella poesia... mi ha fatto pensare e riflettere, il che non guasta mai...

  • loretta margherita citarei il 25/09/2013 19:09
    sei una bella anima, piaciutissima
  • Chira il 25/09/2013 17:32
    Gli ultimi quattro versi racchiudono un modo leale di sentire e di porsi verso gli altri e in primis verso se stessi. Belle riflessioni, Caterina.
  • stella luce il 25/09/2013 17:23
    Bella la tua riflessione... credo che sempre ci si debba interrogare e non sia mai un errore... si cambia ma certi valori restono sempre nel cuore...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0