accedi   |   crea nuovo account

Il dio di tutti i varchi

Sei stato il sole nel mio angolo di cielo
quello che scalda fin dentro le ossa
dopo interminabili sguardi di pioggia
e gelate di solitudine

Sono stata il vento nel tuo spicchio di cielo
quello che scaccia le nuvole più scure
dopo la neve dell'inverno che scolora
silenzi e incomprensioni

Su di me ti sei posato
e ho bruciato
su di te ho soffiato
e hai volato

La cura eravamo
per due sorrisi semplici
un siero senza nome da iniettarci nelle vene
nei mattini umidi dagli occhi grandi

Veleno ora siamo
che cade dagli occhi
veleno nero
che circola in petto

Siamo i nostri assassini
e nella tormenta abbandoniamo
i nostri corpi ancora caldi
alla mercé del tempo dio di tutti i varchi
che affamato e rapace
saccheggerà i nostri spiriti.

 

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • augusto villa il 29/09/2013 22:21
    Bella e particolarmente intenssa... però... Fatina Laura... mi fai spaventare... quando scrivi così...
  • loretta margherita citarei il 25/09/2013 19:10
    molto intensa piaciutissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0