PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Generazioni

Se all'opera mi presto disinvolto,
donando forma agli attimi dispersi,
al rimirar nei giorni i magri versi
si spezza orgoglio mio, biancheggia il volto.

Forse sol io il paterno insegnamento
non colsi, o né il piacer d'antiche carte
ai posteri né l'ombra di un talento
questo reo tempo dà, e si fugge l'arte.

 

1
5 commenti     6 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

6 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 15/10/2013 08:10
    Stilisticamente curata, e scritta con sentire profondo. Una sensazione personale che purtroppo si fonde con quella di tanti soggetti, che, di questi tempi, purtroppo, se non in pochi, possono ancora, e più pochi i meritevoli e coloro che hanno stoffa, creare artigianalmente opere di qualsiasi genere. Piaciuta molto.
  • Giulia Aurora il 05/10/2013 16:24
    Una grande armonia e profondità tra questo verseggiare che impressiona e lascia il segno
  • Don Pompeo Mongiello il 01/10/2013 11:03
    Ormai uno stile inconfondibile e bello. Bravo bravo!
  • Caterina Russotti il 30/09/2013 17:38
    Mirabili versi nella profonda analisi del poetare e nel porsi in gioco con la poesia attuale rispetto alle proprie abitudini.. Complimenti. :bravo
  • Anonimo il 29/09/2013 17:17
    Magari il paterno insegnamento è stato colto, ma è cambiata la concezione del vivere e non appare più adeguato. Forse perché non è più il mondo ad essere per noi, ma noi per il mondo!
    Molto bravo Ale.
  • Rocco Michele LETTINI il 29/09/2013 15:15
    Due quartine d'antico corso strutturalmente perfette che evincono l'intenso di verseggio al mostrar la catena generazionale che a l'autore ritorna tra sudate carte...
    ENCOMIABILE ALESSANDRO...

5 commenti:

  • Mario Bruno (Ciancia) il 05/10/2013 19:19
    Molto bella per la profondità ed espressività
    che hai saputo dare a questa tua lirica
    col tuo verseggiare.
    Complimenti!
  • Anonimo il 30/09/2013 17:44
    Piacevole rimembranza...
  • silvia leuzzi il 29/09/2013 18:42
    Che piccola danza del tempo, fatta in un poetar molto classico frutto di intensa ricerca. Bella Ale
  • Anonimo il 29/09/2013 15:34
    un ritrovarsi in antiche carte che portano a riflettere sulla mancanza di parole mai sentite... sempre liriche profonde e belle
  • Rocco Michele LETTINI il 29/09/2013 15:17
    Scusami: l'intenso di un verseggio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0