accedi   |   crea nuovo account

La Dionisiaca

Ho dipinto
sulla tela della notte

il sole

come il corpo di un giovane grappolo d'uva
maturato presso l'acropoli di Atene

ogni chicco
è
un esaltato raggio bagnante le acque del mare Egeo

il giorno

gaio
come un vino bianco dalla bocca d'oro

ci
venne
incontro

inebriando con pampini di labbra

l'anima
delle nostre donne

si sciolse
in un selvaggio fluire d'Amore

l'estasi
vacillante

nel suo caotico sporadico incedere

acquisì
il furore di un eterno innamoramento

 

5
2 commenti     7 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

7 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 03/10/2013 07:18
    Splendida poesia... complimenti.
  • Giulia Aurora il 03/10/2013 01:21
    una tela dipinta di fino un incrociarsi d'emozioni da un tratto delicato
  • loretta margherita citarei il 01/10/2013 15:31
    veramente bella, complimenti cap
  • Anonimo il 01/10/2013 11:30
    Un bel mistero dipinto in tela di notte col sole di dio niso aggrappato al grappolo dell'uva sottanina coperto da pampini, prointi a cadere al clima autunnale.
  • Giulia Gabbia il 01/10/2013 10:32
    Un'opera ben stilata nella sua forma e scorrevole nella sua lettura.. i miei complimenti
  • Anonimo il 01/10/2013 10:13
    Immagini fantastiche e dolci, descrivono un "eterno innamoramento" , impresso nel cuore dell'autore, per l'estasi della stupenda figura DIONISIACA, protagonista di questa meravigliosa opera. Lirica molto piaciuta.
  • Rocco Michele LETTINI il 01/10/2013 08:41
    Eterno amore inebriato con pampini di labbra... Solo da Te cotanta poesia... IL MIO ELOGIO VINCÈ

2 commenti:

  • stella luce il 03/10/2013 07:15
    bello navigare tra i tuoi versi... e grazie a Paola per ciò che anche io avrei fatto dopo averti letto...
  • Anonimo il 01/10/2013 17:40
    Bellissima opera Vincè, originale come sempre.
    HO letto su internet qualcosa in proposito, magari non t'interessa ma te la copio lo stesso:

    Dionisio era il dio del vino (Bacco). L'uomo dionisiaco è quello che si fa travolgere dalla passione, irrazionale, che vive il presente e si gode ogni aspetto della vita, che ama l'ebbrezza. Scrive Nietzsche: Dionisiaco è l'uomo profondo nella superficie. È l'uomo che supera gli ostacoli. È l'uomo che comprende tutto e tutti. È l'eterno ritorno. Dionisiaco è colui che smaschera tutte le falsità presenti nelle cose.

    L'uomo apollineo invece (dal dio Apollo) rappresenta la parte armonica, razionale, organizzata, la saggezza.

    La perfezione cui l'uomo deve mirare è il perfetto bilanciamento di queste due parti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0