PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Arrivederci

Oh tu
piccolo fra uccello
che lo suol meo natio
lassi,
pe' lidi lontani e caldi;
Iddio facere,
unico Padre Nostro,
che de novo
sotto la mea grondaia
ne la nova primavera
io te ritrovi!

 

0
2 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Caterina Russotti il 01/10/2013 16:54
    Bella.. piacerebbe tanto anche a me rivedere questa primavera una rondine sotto il tetto... Oramai da anni c'è rimasto solo il nido vuoto! Splendida.
  • loretta margherita citarei il 01/10/2013 15:16
    piaciutissima complimenti!
  • Rocco Michele LETTINI il 01/10/2013 15:07
    Sublime verseggio... aspettando un'altra primavera che ci riporta le note del cielo.

2 commenti:

  • Anonimo il 01/10/2013 16:50
    Dolcissima e preziosa: ci fa già sognare la primavera nonostante sia autunno...
  • antonio pascarella il 01/10/2013 15:01
    grande poesia

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0